Zanardi ancora in coma: "condizioni meno gravi di quelle di Schumacher"

"I danni assonali sembrerebbero scongiurati. Da quelli cui difficilmente uno torna alle sue funzioni cognitive e motorie normali". Si valuta quando interrompere la sedazione profonda

Share


E’ sempre tenuto in coma farmacologico, Alex Zanardi e prosegue il lento recupero iniziato dopo l'intervento neurochirurgico. Prosegue  dunque il decorso clinico regolare e stabile,  confermato anche dall'ultimo bollettino medico. I medici stanno valutando per decidere se è possibile già nei prossimi giorni sospendere la sedazione per verificare il quadro neurologico. Decisiva per procedere a questo passaggio, hanno spiegato, è che si mantenga la stabilità delle condizioni cliniche dell'atleta. La prognosi ovviamente, rimane sempre riservata.

"C'è un impatto emotivo fortissimo, tutti i nostri medici sentono questa pressione - ha detto il direttore sanitario dell'Aou senese Roberto Gusinu  in occasione del bollettino medico sulle condizioni di Alex Zanardi - Facciamo il massimo per mantenere il nostro equilibrio”.

Nei giorni scorsi è trapelato che le condizioni del grave trauma facciale sono meno gravi di quelle di cui rimase vittima Michael Schumacher.

A dirlo è stato Giuseppe Oliveri, direttore della divisione Neourochirurgica che ha operato d'urgenza Zanardi.
"I danni assonali sembrerebbero scongiurati. Il danno assonale diffuso è un danno molto esteso a tutta la corteccia cerebrale, da cui difficilmente uno torna alle sue funzioni cognitive e motorie normali”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti