Honda CBR 750 RR Concept: il ritorno delle settemmezzo è vicino?

Un render scovato in rete fa sognare immaginando una versione da 750 cc della nuova Fireblade. L'idea che possa risorgere la categoria delle vecchie SBK è affascinante

Share


Il meglio dei due mondi. Questo ha sempre rappresentato per gli appassionati la categoria delle sportive da 750 cc, ovvero l'anima della SBK delle prima ora. Da un lato c'erano le sportive giapponesi, con i propri 4 cilindri plurifrazionati e cilindri disposti in linea o a V, mentre dall'altro le bicilindriche da 1000 cc, rappresentate da Ducati e Aprilia.

In rete è spuntato questo render di una ipotetica Honda CBR 750 RR ed è chiaro che l'ipotesi risulti quanto meno affascinante per tutta una serie di ragioni. 

Quando le 750 erano le regine del mercato

Le mitiche 750 erano il meglio perché erano potenti quasi quanto le sorelle da 1000 cc, eppure riuscivano ad essere facili ed agili quanto le piccole 600. Ma il mercato negli anni è andato verso la richiesta di cavalli e potenza sempre maggiori, fagocitando di fatto una intera categoria che contava al suo culmine su un'offerta davvero completa sul mercato. L'unica superstite è stata negli anni la Suzuki GSX-R750, la Gixxer che ha sempre goduto di un enorme apprezzamento da parte del pubblico ed anche dai giornalisti e tester delle testate di tutto il mondo. 

Oggi però la situazione sembra cambiare leggermente, perché le moderne 1000 cc hanno raggiunto prestazioni che sono davvero difficili da sfruttare su strada ed a causa di una massiccia presenza di tecnologia a bordo, stanno anche toccando prezzi al pubblico davvero proibitivi. Quindi da un lato abbiamo moto dalle prestazioni elevatissime e ricche di fascino, mentre dall'altro abbiamo una schiera di potenziali acquirenti che sembra ridursi sempre di più. 

IL RENDER DELLA HONDA CBR 750 RR

Uno scenario che potrebbe essere favorevole al ritorno della categoria 750 cc, una categoria che forse potrebbe consentire ai Costruttori di proporre mezzi più abbordabili sia dal punto di vista delle prestazioni che da quello prettamente economico. In tempi recenti, Ducati ha sviluppato sempre di più questo concetto attraverso la Panigale 899, poi diventata 959 ed infine maturata nella Panigale V2.

In questo caso parliamo di una bicilindrica 1000 cc, ovvero proprio la cilindrata che utilizzavano Ducati ed Aprilia in SBK quando con le loro bicilindriche sfidavano le 4 cilindri 750 giapponesi. Una scelta tesa a proporre sul mercato una moto meno impegnativa della Panigale V4, un vero mostro dal punto di vista prestazionale, che assieme ai tanti cavalli in più mette sul piatto anche un prezzo più impegnativo. 

Sul mercato attualmente esistono già delle moto che sono abbastanza allineate a questo concetto e ci riferiamo alla MV Agusta F3 800 ed alla Triumph Daytona Moto2 765, moto che sono divertenti eppure non estreme e probabilmente alla portata di una fetta di appassionati molto più vasta rispetto a chi si dirige verso le moderne 1000 cc. 

Dunque il render della Honda CBR 750 RR piace e fa sognare. Ora resta da capire se qualche Costruttore voglia seriamente dare vita e nuova linfa ad una categoria che da parecchi punti di vista potrebbe rinvigorire l'intero mercato delle supersportive. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti