Tu sei qui

Lamborghini rinuncia ai saloni: voglia di esclusività per i clienti

La Casa di Sant'Agata vuole evitare in futuro gli eventi di massa, preferendo creare un rapporto più esclusivo con gli appassionati del marchio

Auto - News: Lamborghini rinuncia ai saloni: voglia di esclusività per i clienti

Share


Lamborghini aveva rinunciato al Salone di Ginevra già prima che l'emergenza legata al Covid 19 bloccasse l'evento sul nascere, ma le ultime dichiarazioni rilasciate da Katia Bassi, Marketing Manager, lasciano intendere che non sarà più possibile ammirare le vetture bolognesi durante i principali saloni automobilistici.

"Abbiamo deciso di non partecipare più ai saloni automobilistici poiché riteniamo sempre più importante avere un rapporto intimo con il cliente e i saloni automobilistici non sono più in sintonia con la nostra filosofia".

Questa la dichiarazione rilasciata dalla Bassi ad AutoCar India, che lacia intendere l'approccio di Lamborghini a questo tipo di eventi per il futuro. Una virata legata forse solo in minima parte alla pandemia che stiamo vivendo in questo periodo storico. In realtà questa può essere interpretata come la voglia di alzare ulteriormente l'asticella anche nell'ambito della comunicazione per Lamborghini, aumentando il fascino percepito di vetture di fatto irraggiungibili per la maggior parte degli utenti.

C'è forse la voglia da parte di Lamborghini di concedere un ulteriore lusso ai propri clienti, ovvero quello di poter dare un primo sguardo in un contesto più esclusivo ad un nuovo modello, piuttosto che durante un evento affollato. Di fatto la scelta è allineata con la strada intrapresa in tempi recenti, ovvero di perseguire ed alimentare il concetto di esclusività del marchio.

Non ci sono informazioni riguardo la strategia dei singoli importatori, perché per quanto Lamborghini possa decidere di non partecipare in prima persona ai saloni, qualche importatore locale di alcune zone del mondo potrebbe decidere autonomamente di finanziare a partecipare a degli eventi più ristretti e prettamente regionali, anche nell'ottica di non lasciare troppo campo libero alla concorrenza.  

Articoli che potrebbero interessarti