MotoAmerica, Storico successo di Jacobsen nella classe Stock 1000 con la Ducati V4.

Il debutto sul tracciato di Road America è andato oltre ogni aspettativa: per Jacobsen pole position e vittoria nella Stock 1000 , la prima per la Casa di Borgo Panigale negli USA

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


di Andrea Periccioli

Il Team Celtic HSBK Racing ha vissuto un fine settimana sensazionale sul tracciato di Road America, valido per il primo appuntamento della stagione 2020 del MotoAmerica.

Un trionfo tanto importante quanto storico, ottenuto da PJ Jacobsen nella classe Stock 1000 in sella alla Ducati V4.
La Panigale V4 è una delle migliori moto in circolazione, un autentico gioiello derivato dall'esperienza maturata dalla Casa di Borgo Panigale in MotoGP.

Approdata nel contesto del campionato americano nel corso della passata stagione assieme al Team KWR, si è fatta strada attraverso una crescita esponenziale. Dopo un inizio in salita, il giovane Kyle Wyman è riuscito a concludere il 2019 con risultati di rilievo. In continua lotta per le posizioni di vertice.

Un esito che ha convinto il Team Celtic HSBK Racing a investire sulla missilistica Ducati Panigale V4.

La formazione diretta da Bobby Shek e Barry Gilsenan deriva dall'unione dei noti Team HSBK e Celtic Racing, avvenuta lo scorso anno. Entrambi hanno deciso di unire le forze, sfruttando la propria esperienza al fine di iniziare una nuova era ricca di successi.

La prima ha un rapporto speciale con l'Italia, non a caso ha segnato pezzi di storia dell'Aprilia negli USA. In grado di portare alla vittoria la moto della Casa di Noale in Stock 1000 e di salire per ben quattro volte sul podio in Superbike grazie al nostro Claudio Corti nel 2016.

La seconda, invece, è una delle migliori squadre private del panorama americano. Con ben tre titoli AMA Pro SuperSport nel palmarès, annovera il passaggio di giovani piloti talentuosi nell'ambito delle classi 125cc e 250cc.
Una combinazione vincente, resa possibile anche grazie all'approdo nella formazione di Patrick "PJ" Jacobsen.

Il nativo di Montgomery è un pilota di assoluto livello internazionale, ansioso di riscatto in seguito ad alcune deludenti stagioni. Vice-campione 2015 del Mondiale SuperSport, in virtù di una sfortunata parantesi con Triple M Honda nel World SBK, nel 2019 ha deciso di rilanciare le proprie quotazioni di carriera tornando nel MotoAmerica SS600 proprio con il rinnovato Celtic HSBK Racing. Una scelta in parte obbligata, ma rivelatasi azzeccata. Un'annata formidabile, terminata alle spalle del solo Bobby Fong, con la bellezza di quattro vittorie, sette podi e una pole position.

Per questa ragione, e con la conferma dello statunitense, la compagine di Bobby Shek e Barry Gilsenan ha optato per il ritorno alle grandi cilindrate. Un passaggio reso possibile anche grazie all'accordo di sponsorizzazione con Ducati New York.

La stagione 2020 del Team Celtic HSBK Racing si annuncia ricca di appuntamenti. Difatti, oltre alle categorie SBK e Stock 1000  con "PJ" , la squadra prenderà parte alla SuperSport con Brandon Paasch su una Yamaha R6, alla Liqui Moly Junior Cup con il giovanissimo Sam Lochoff in sella a una Kawasaki Ninja 400cc e alla neonata Mini Cup con il baby Haydn Joseph Meng.

Il debutto sul tracciato di Road America è andato oltre ogni aspettativa: per Jacobsen pole position e vittoria nella Stock 1000 , la prima per la Casa di Borgo Panigale negli USA, e quinta posizione finale in Gara 2 di Superbike poco distante dal podio.

Un amore a prima vista, confermato dalle parole dello stesso pilota americano: "La V4 è sensazionale, mi trovo divinamente. Nella gara della Stock 1000, nonostante la partenza non perfetta, siamo riusciti a conquistare il primo successo della storia di Ducati nel MotoAmerica. In Gara 2 SBK ho concluso a soli tre secondi dal podio e dalla Panigale ufficiale di Wyman, il che è sorprendente dato che la nostra moto è totalmente Stock. Sono convinto che, con il duro lavoro, progrediremo velocemente per lottare per le posizioni che contano".

Chi ben comincia è a metà dell'opera come si suol dire e le premesse per continuare a stupire nel palcoscenico degli Stati Uniti ci sono tutte per Patrick Jacobsen e la sua Ducati. Un progetto ambizioso con l'obbiettivo di intraprendere un nuovo percorso vincente con la moto italiana. Gli occhi saranno puntati su di loro quando il MotoAmerica tornerà in pista nel fine settimana del 27-28 giugno, sempre sul tracciato di Road America in Elkhart Lake.
 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti