SBK, Operazione Mondiale: Aprilia in azione a Misano con Ponsson

Il portacolori del team Nuova M2 ha affilato le armi in attesa di disputare la prima wildcard nel Mondiale, presenti in Riviera anche Savadori e La Marra

Share


Meno di un mese e poi si alzerà il sipario sul CIV. L’appuntamento è in programma per il prossimo 5 luglio, quando il tracciato del Mugello accoglierà il primo round stagionale del Campionato italiano. A tal proposito non manca la curiosità in casa Nuova M2, dal momento che il team veneto ha iniziato ad affilare le armi in vista della tappa di Scarperia.

In settimana la squadra ha infatti svolto un test a Misano, consentendo ai propri piloti di prendere confidenza con la Aprilia RSV4 1100. Tra questi c’erano Lorenzo Savadori, il quale ha mostrato in parte soddisfazione per le sensazioni raccolte. Già, perché il meteo ha pensato bene di rovinare i piani:  “Il mio programma di lavoro prevedeva un giorno di test sulla nuova Aprilia RSV4 1100 Factory e mezza giornata sulla RS-GP – ha commentato - sfortunatamente i due giorni sono stati fortemente condizionati dal maltempo e non siamo riusciti a seguire la tabella di marcia che ci eravamo prefissati. Personalmente ho girato poco qui a Misano, speriamo di riuscire a preparare al meglio il primo round del CIV con i prossimi test in programma al Mugello”.

Insieme al cesenate era presente anche Eddi La Marra: “Devo dire che è stato un buon test – ha detto - abbiamo provato un po’ di soluzioni lavorando molto. A livello di tempi non sono riuscito a centrare l’obiettivo che mi ero prefissato, avrei voluto fare di meglio e potendo girare di più ne avremmo avuta la possibilità. Aspettiamo i test del Mugello per concretizzare il lavoro svolto”.

Tra coloro che hanno cavalcato l’Aprilia a Misano anche Christof Ponsson, che quest’anno sarà di scena nel Mondiale Superbike: “Sono contento di come è andato questo test anche se la pioggia non ci voleva – ha detto l’alfiere Nuova M2 - adesso ho buona fiducia con la RSV4 preparata per il mondiale SBK. Le mie sensazioni sono migliorate molto. Nei test di Portimão non ero a mio agio sulla moto, abbiamo lavorato molto su questo aspetto e il team ha portato delle nuove soluzioni per permettere di migliorare il mio confort in sella e automaticamente capire molto meglio le caratteristiche di questa RSV4. Abbiamo lavorato anche sull’assetto – ha aggiunto - adesso curvare è più facile, ci serve solo più tempo per fare altri chilometri su pista asciutta. Useremo il prossimo test che abbiamo programmato ad Aragon per prepararci al meglio in vista della prima wild card al mondiale Superbike”

Share

Articoli che potrebbero interessarti