Il museo Alfa Romeo pronto a riaprire e svelare i suoi tesori nascosti

La galleria di Arese riaprirà al pubblico mercoledì 24 giugno, giorno del 110° anniversario del marchio. Aperta anche la Collezione, un'area finora chiusa al pubblico

Share


E’ tempo di riapertura per il museo Alfa Romeo di Arese, e la data non potrebbe essere più speciale. Il museo infatti aprirà nuovamente le sue porte il 24 giugno, nel giorno del 110° anniversario dello storico marchio nato a Milano. Ovviamente sarà proprio Arese ad ospitare le celebrazioni di questo grande evento, in occasione del quale il museo resterà aperto nel consueto orario (dalle 10 alle 18) sino a domenica, mentre nella settimana successiva le visite saranno possibili nelle giornate di sabato e domenica.

Come dicevamo non mancheranno le sorprese per celebrare l’evento, e la più importante sarà la possibilità di accedere ad aree finora chiuse al pubblico e fuori dal percorso museale: paliamo dei due piani dell’ex Centro Direzionale di Arese dove è conservata la Collezione, ovvero il backstage del Museo.

Un’area comprendente altre 150 vetture, decine di motori stradali, aeronautici e marini, centinaia di modellini, trofei, oggetti d’arte ed accessori, ma anche un motoscafo da gara e molto altro. Un insieme di materiali dal valore unico, che consentono al Museo di organizzare mostre temporanee tematiche, e ad Alfa Romeo di partecipare ad eventi esterni, mostre e manifestazioni varie. Nella giornata di mercoledì inoltre gli alfisti avranno l’opportunità di partecipare a parate sul tracciato interno, e potranno vedere dal vivo la nuova Giulia GTA, l'iconica serie limitata concepita per il 110° anniversario del marchio.

Gli eventi proseguiranno nel weekend con le conferenze Backstage, dedicate all’approfondimento di capitoli meno noti della storia Alfa Romeo: i due appuntamenti inizialmente previsti a marzo e aprile, sospesi a causa dell’emergenza sanitaria, si svolgeranno rispettivamente sabato 27 giugno, con la Spider Monoposto concept come tema e domenica 28 giugno, con un focus sul 164 Q4, il sezionato dell’ammiraglia a trazione integrale.

Ovviamente non mancheranno le misure di sicurezza durante le giornate, a cominciare dall’obbligatorietà dell’uso della mascherina, e da una apposita segnaletica orizzontale che aiuterà i visitatori a rispettare le regole di distanziamento sociale, oltre che a seguire un percorso che separa il flusso di entrata da quello di uscita.

Share

Articoli che potrebbero interessarti