Ipotesi di incentivi rottamazione: fino 4.000 euro sull'acquisto

Se approvato, il provvidemento entrerà in vigore dal 1° luglio fino a fine anno. Lo sconto sarebbe previsto per chi rottama un veicolo con almeno 10 anni di anzianità. Previsto uno sconto di 2.000 euro per il 2021, incentivi anche per l'usato

Share


La crisi economica ha colpito diversi settori industriali, e quello automobilistico non fa eccezione, anzi. I dati relativi al mese di maggio infatti parlano chiaro, con un calo di quasi il 50% rispetto allo stesso periodo di anno fa, dopo un mese di aprile praticamente azzerato dal lockdown. Dati impietosi, per ovviare ai quali pare sia in arrivo, per gli automobilisti italiani, una interessante novità legata agli incentivi ed alle rottamazioni.

Il Governo ha a lungo latitato (monopattini a parte), ora pare che all’interno di un emendamento al decreto Rilancio, presentato alla Camera da PD, Italia Viva e Leu vi sia un provvedimento che potrebbe riaccendere il mercato a quattro ruote: parliamo di una misura che prevederebbe uno sconto complessivo di 4.000 euro sull’acquisto di una vettura Euro 6, con emissioni di CO2 fra 61 e 95 g/km, per chi rottama un veicolo con almeno 10 anni di anzianità.

Se questa misura sarà approvata, entrerà in vigore dal 1° luglio, restando attiva fino al termine dell’anno, mentre nel 2021 la cifra si dovrebbe dimezzare. Entrando nello specifico dei 4.000 euro sopra citati, questi saranno formati da 2.000 euro di contributo statale e di 2.000 euro da parte del concessionario. Uno sconto sarebbe previsto anche senza rottamazione, ma in questo caso la cifra scendeebbe a 2.000 euro, ripartiti nella medesima maniera.

La misura riguarderà (se diventerà legge) infine anche il mercato dell’usato. Sarebbe prevista la rottamazione di un’auto usata Euro 0, 1, 2 e 3 con un usato Euro 5 o superiore,  e l’incentivo prevederebbe l’esenzione degli oneri fiscali sul trasferimento del veicolo. Non ci resta che attendere, di certo servono elementi concreti e sicuri, per nell'immediato queste voci non fanno altro che affossare ulteriormente il mercato, con i potenziali clienti fermi in attesa di novità.

Share

Articoli che potrebbero interessarti