MotoGP, Ciabatti: "Pronti ad ascoltare Dovi, il contratto annuale è un'opzione"

"Per firmare un biennale dovremmo avere delle motivazioni valide vista l'età. Se diventasse il pilota più longevo con Ducati sarebbe importante per tutti"

Share


Il pazzo mercato della MotoGP continua a muoversi, regalando colpi di scena e sussulti oramai giorno dopo giorno. Uno dei temi caldi di queste settimane è certamente il futuro di Andrea Dovizioso, dal quale dipendono diverse destini e diverse decisioni: nel team ufficiale Ducati infatti quello legato al forlivese resta l’unico nodo da sciogliere dopo l’annuncio di Jack Miller, ma l’affare sembra meno semplice del previsto.

Il passare dei giorni ed il silenzio del pilota di Forlì non sono certamente un segnale rassicurante, specie in un mercato che sta vivendo in questi giorni uno dei suoi momenti più caldi. Ma se Dovi evita di esporsi, da Ducati invece arrivano messaggi di apertura, in particolare dal direttore sportivo di Borgo Panigale Paolo Ciabatti.

“Siamo aperti a diverse soluzioni - ha spiegato Ciabatti ai microfoni di Speedweek.com - compresa quella di stipulare un contratto di un solo anno. Se invece preferisse un contratto biennale dovremmo avere delle solide motivazioni per accontentarlo, dato che la sua età si avvicina ai 40 anni. Siamo disponibili a discutere di tutte le possibilità”.

La storia d’amore tra Ducati e Dovi è dunque ad un bivio a dir poco importante. Se si interrompesse sarebbe una notizia da prima pagina, mentre se proseguisse potrebbe diventare un idillio storico in termini di durata.

“Se Dovi firmasse per altri due anni diventerebbe il pilota più fedele della MotoGP dopo Dani Pedrosa, e soprattutto – conclude Ciabatti – il pilota con il rapporto più lungo con Ducati, il che sarebbe un passo importante per entrambe le parti".

Non resta dunque che aspettare il prossimo capitolo della saga, mentre il countdown verso la ripresa continua ed il mercato non accenna a smettere di fremere.

Share

Articoli che potrebbero interessarti