Calendario provvisorio F.1: tante concomitanze con la MotoGP

La prima sarà il GP di Ungheria, in programma il 19 luglio, stessa data del GP di Jerez. Nodi da sciogliere per l'inevitabile affastellamento di gara in agosto con ben tre GP di F.1: Silverstone (stessa data SBK), Barcellona e Spa

Share


Liberty Media ha battuto sul tempo la Dorna annunciando in anticipo il calendario della F.1 rispetto a quello della MotoGP, che comunque non dovrebbe farsi attendere.

Se però Carmelo Ezpeleta nella bozza che circola da qualche settimana ha presentato un programma di ben 12 prove, lasciando aperta la possibilità di una doppietta in Asia fra Thailandia e Malesia solo nel caso si potranno disputare i Gran Premi con il pubblico, il suo omologo, Chase Carey, per il momento ha dato le date di appena 8 GP.

Tutti europei, ovviamente,  fra Austria (2), Ungheria, Gran Bretagna (2), Spagna, Belgio e Italia (forse doppietta anche qui). Sei nazioni, dunque, con gare tutte a porte chiuse.

Nonostante ciò anche in questo caso sussistono dubbi: l’Ungheria, per esempio, il 19 luglio nonostante il Governo avesse precedentemente vietato manifestazioni sportive con più di 500 persone fino al 15 agosto.

Silverstone invece è stata spostata in modo da evitare la quarantena prevista dal governo.

“Speriamo di riavere presto il pubblico presente quando la situazione lo permetterà in modo sicuro, ma sappiamo che il ritorno della F.1 sarà una piacevole spinta per gli sportivi in tutto il mondo”, ha detto Carey.

Già si prevedono, ovviamente, concomitanze con la MotoGP. Per esempio l’Ungheria dovrebbe andare in sovrapposizione con l’apertura di Jerez.

La Superbike del 2 agosto, sempre a Jerez, dovrebbe invece avere la concomitanze con Silverstone. E saranno inevitabili altre in un agosto nel quale la F.1 avrà ben quattro gare: appunto Silverstone, Barcellona e Spa

Share

Articoli che potrebbero interessarti