Calendario MotoGP 2020: cancellato il Gran Premio del Giappone

Ezpeleta: "gli eventi oltreoceano, se possibile, dovrebbero essere programmati dopo la metà di novembre - il che sarebbe troppo tardi nell'anno per il Gran Premio del Giappone Motul". L'iconico Twin Ring Motegi è in calendario dal 1999.

Share


La FIM, l'IRTA e la Dorna Sports si rammaricano di annunciare l'annullamento del Gran Premio del Giappone Motul. La pandemia di Covid-19 in corso ha costretto a cancellare l'evento, che si sarebbe dovuto svolgere dal 16 al 18 ottobre al Twin Ring Motegi.

La sede dei costruttori della MotoGP Honda, Yamaha e Suzuki, Giappone, è vitale per la presenza globale e il successo del MotoGP.

L'iconico Twin Ring Motegi è in calendario dal 1999 e la FIM, l'IRTA e la Dorna Sports non vedono l'ora di tornare a gareggiare sul circuito nel 2021, davanti ad alcuni dei fan più appassionati e fedeli del mondo.

"Mobilityland si sta preparando per il Gran Premio del Giappone del MotoGP di quest'anno, tuttavia le situazioni in Giappone e in Europa sono imprevedibili e si prevede l'estensione del divieto di viaggiare a livello internazionale - ha detto Kaoru Tanaka, Presidente, Mobilityland Corporation - A seguito delle discussioni con Dorna, l'organo direttivo della serie, abbiamo concordato che non abbiamo altra scelta se non quella di annullare il GP del Giappone per completare la stagione.

"Ci rendiamo conto che si tratta di una grande delusione per i tifosi e per tutte le parti correlate. Vi ringraziamo per la vostra comprensione".

"E' con grande tristezza che annunciamo la cancellazione del Gran Premio del Giappone Motul sul singolarissimo circuito di Motegi, il che significa che non avremo un Gran Premio del Giappone in calendario per la prima volta dal 1986 - ha detto Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports - La famiglia del MotoGP sta lavorando molto duramente per poter ricominciare la stagione agonistica e organizzare il maggior numero di eventi possibile, e nel modo più sicuro possibile. Per questo motivo, la FIM e Dorna, di concerto con IRTA e MSMA, hanno deciso che, fino a metà novembre, il MotoGP rimarrà in Europa per fare il maggior numero possibile di eventi europei del MotoGP. Pertanto, gli eventi oltreoceano, se possibile, dovrebbero essere programmati dopo la metà di novembre - il che sarebbe troppo tardi nell'anno per il Gran Premio del Giappone di Motul. Per questo motivo è stato deciso, di concerto con Mobilityland, che il Gran Premio del Giappone Motul non potrà svolgersi nel 2020. Ringrazio molto Mobilityland per il sostegno dato al MotoGP. A nome di Dorna, vorrei anche ringraziare tutti i tifosi per la loro comprensione e la loro pazienza nell'attesa che la situazione migliori. Non vediamo l'ora di tornare a Motegi il prossimo anno".
 

Share

Articoli che potrebbero interessarti