MotoGP, Calendario 2020, le date: parziale apertura per Misano con dubbio Monza

L’appuntamento di Misano dovrebbe avvenire il 6 settembre, ma c’è la concomitanza con il GP di Monza dove correrà anche la F1. Forse con apertura limitata al pubblico. Speranza per due GP in Asia: Thailandia e Malesia

Share


Con ogni probabilità la Dorna annuncerà il suo nuovo calendario la prossima settimana. Non appena, cioè, ci sarà l’ufficializzazione del si da parte del governo spagnolo.

Si partirà, come annunciato più volte, da Jerez de la Frontera, con un doppio appuntamento il 19 luglio con il GP di Spagna e il successivo 26 luglio con il GP di Andalusia. Un test, per consentire ai piloti di togliersi la ruggine di dosso sarà effettuato il 15 luglio.

Quindi una settimana di buco per viaggiare alla volta di quello che potrebbe essere un trittico con un GP in Repubblica Ceca e due gare in Austria, nel periodo tra il 9 e il 23 di agosto.

L’appuntamento di Misano dovrebbe avvenire il 6 settembre, ma c’è la concomitanza con il GP di Monza dove correrà anche la F1. E c'è anche il rischio doppietta, se dovesse saltare il GP di Singapore. Si farà il possibile per evitare il Clash, anche perché il ‘Marco Simoncelli si è detto disponibile al doppio appuntamento, sperando per una apertura, seppure parziale, al pubblico. Quindi si pensa al 13 ed al 20 settembre.

 A questo punto di tornerebbe in Spagna, ad Aragon tra fine settembre e i primi di ottobre, anche se una di queste date potrebbe saltare in favore di Le Mans.

Claude Michy, l’organizzatore del GP francese, sta trattando con il governo e le autorità sanitarie per cercare di far correre la gara, di fronte ad un pubblico ridotto.

Se ci sarà il via libera delle autorità per aprire i cancelli a circa 30 mila spettatori il GP si farà, ma resta tutto da capire come saranno effettuati i conteggi. In base alla prevendita?

Barcellona per il momento è ancor in calendario, ma sembra più che altro nel ruolo di riserva in base alla decisione sul GP francese.
Il mondiale terminerebbe come sempre a Valencia, con doppio appuntamento fra il 25 ottobre e il 1 novembre.

Carmelo Ezpeleta spera però che per quella data si possano disputare due gare extraeuropee, che potrebbero essere corse solo con la presenza del pubblico, per via degli alti costi di trasferta.

In questo caso parleremo di due trasferte asiatiche: Thailandia e Malesia. Lo sapremo a fine agosto, in base all’evoluzione della pandemia.
Per permettere di disputare i Gran premi, senza pubblico, senza Hospitality e, per il momento, senza stampa, sono stati studiati vari protocolli, medici e logistici.

Per esempio i componenti dei team dovranno spostarsi due per auto e alloggiare in stanze separate. I responsabili delle Hospitality stanno preparando pasti precotti sul tipo di quelli confezionati per i voli aerei.

Dovrebbero essere ammesse 40 persone per i team ufficiali e 25 per il team satelliti, 12 per Moto2 e Moto3. Quattro giorni prima di partire ognuno verrà sottoposto al tampone. Tutto il personale di gara dovrà indossare le protezioni, incluso il personale medico.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti