MotoGP, Pol Espargarò: "Nei test KTM tanti sorrisi ma anche progressi"

TUTTE LE FOTO - Per il pilota due giorni di prove al Red Bull Ring insieme a Dani Pedrosa: "tanto materiale da provare, abbiamo migliorato ciclistica ed elettronica"

Share


KTM ha fatto una partenza perfetta, bruciando tutti allo scatto e riuscendo per prima a organizzare dei test dopo lo stop causato dal coronavirus. Mercoledì e giovedì, Pol Espargarò e Dani Pedrosa sono stati impegnati sul Red Bull Ring, mentre Brad Binder non ha potuto unirsi a loro a causa delle restrizioni ai viaggi ancora in vigore in Sud Africa.

In tutto, KTM ha impiegato 20 tecnici per queste prove, sia austriaci che provenienti da Paesi limitrofi, sottoponendoli prima a un test per il coronavirus a cui sono risultati positivi.

Nonostante la primavera austriaca non sia sempre mite, Espargarò e Pedrosa hanno trovato due giornate di sole e hanno potuto lavorare sullo sviluppo della RC16.

KTM ora sta cercando di organizzare un altro test prima della ripresa del campionato e contemporaneamente preparando il materiale per la ripresa della corse.

Non credo di essere mai stato così a lungo senza guidare una moto, soprattutto una da gara, quindi è stato un po' difficile nei primi turni, ma velocemente sono tornato a girare con il ritmo che avevo in Qatar - ha raccontato Pol Espargarò - E' stato bello tornare in azione e credo che sia stato così per tutti: c'erano un sacco di facce sorridenti nel box. Tecnicamente abbiamo fatto qualche miglioramento. La prima priorità è stata quella di ritrovare la fiducia con la moto, ma avevamo anche molto materiale da provare ed è stato interessante. Il bel tempo ci ha permesso di fare molti esperimenti sulla moto e abbiamo migliorato soprattutto la ciclistica ma anche l'elettronica. Sono molto contento. Ora non vedo l'ora che arrivi la prima gara".

Anche Mike Leitner, Race Manager KTM non ha nascosto la sua soddisfazione:  “sono molto contento di aver potuto organizzare questi due giorni qui a Spielberg e far tornare in pista il team MotoGP. E' stato un grande sforzo, ma abbiamo messo alla prova tutti, abbiamo fatto in modo che accadesse e penso che sia stato fondamentale per la mentalità dell'azienda, della squadra, di tutti nel reparto corse e soprattutto dei piloti. In generale, siamo stati fortunati con il meteo. E' stato un bene per Pol tornare ai ritmi di gara: dopo un così lungo periodo di stop i piloti avevano davvero bisogno di girare. Anche per Dani è stato importante riavviare il programma di test. Grazie alla squadra per aver fatto sì che questo test si realizzasse e al circuito di Spielberg per averci fatto provare qui. Ora speriamo di avere altre notizie sul calendario a metà giugno, non vediamo l'ora di tornare a correre".

"Vedere le moto in pista, il luogo a cui appartengono, è stato fantastico per tutti noi. E' stato un piacere vedere le facce felici dei piloti e della squadra, ma poi si è tornati al lavoro e alla normalità - le parole di Pit Beirer, direttore di KTM Motorsport - Abbiamo cercato di sfruttare al meglio il tempo al Red Bull Ring. Con Pol abbiamo potuto provare la moto 2020 su una nuova pista e con Dani abbiamo fatto un programma di test molto ampio. Ma la cosa più importante è stata anche il significato: stiamo facendo grandi passi in avanti. Ci sarà sicuramente un interessante calendario di Gran Premi che ci aspetta ed è il momento di preparare il nostro team per questo. Nelle settimane e nei mesi scorsi eravamo stati molto radicali  nella nostra risposta alla situazione causata del virus, con la chiusura del nostro reparto corse, ma avevo promesso alla squadra che saremmo stati i primi ad tornare in pista. Finalmente siamo riusciti a mantenere quella promessa qui al Red Bull Ring".

Share

Articoli che potrebbero interessarti