MotoGP, Rossi: "Non ho paura di ritirarmi, ma sarà difficile accettarlo"

VIDEO - "Non mi aspetto nulla di buono in  quel giorno, solo tanta tristezza. Smettere senza tifosi sarebbe più facile. Deciderò se continuare nelle prossime settimane"

Share


In queste settimana di pausa, tutti si chiedono a cosa stia pensando Valentino Rossi. Sul piatto ha l’offerta di Yamaha e Petronas per rimandare ancora la pensione e sembra che non mancherà molto per conoscere ufficialmente quale sarà il suo futuro.

Siamo a fine maggio, nelle prossime settimane potrò prendere mia decisione, sarà molto presto” ha assicurato in un’intervista rilasciata a BT Sport.

Il Dottore ha avuto tempo per pensare ed è arrivato ad alcune conclusioni.

Non ho paura di ritirarmi, non credo che sia la parola giusta, ma so che il giorno del mio ultimo Gran Premio sarà triste e difficile da gestire e accettare - ha spiegato - Perché amo le gare,  sono la mia  vita da più di 20  anni, ma non ho paura.  In questo periodo ho capito, ma lo sapevo già  prima, che potrò divertirmi comunque e questo rende la mia decisione più facile”.

In un certo senso, smettere a porte chiuse avrebbe i suoi vantaggi.

Sinceramente, finire la mia  carriera in questa stuazione avrebbe anche aspetti positivi - ha continuato - Per me sarà molto, molto triste il giorno in cui mi ritirerò, non  vedo nulla di buono, non mi aspetto nulla di positivo, solo tanta tristezza e brutte sensazioni. Farlo senza tifosi,  senza gente intorno sarebbe più facile. Se continuerò è per provare essere competitivo, andrò nel team Petronas se penserò di essere competitivo, se potrò provare a vincere delle gare e lottare per il podio”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti