MotoGP, La domanda di tutti: chi sarà lo sfidante di Marc Marquez nel 2020?

Fra circa due settimana sarà pronto il calendario Dorna del motomondiale dell'era Covid-19. Poche gare, solo in Europa: vantaggio o svantaggio per gli sfidanti? Si accettano scommesse

Share


Aspettando che arrivino delle comunicazioni certe e ufficiali circa le modalità di ripresa dell’attività, ecco che per il momento le discussioni degli addetti ai lavori riguardano chi possa vincere il Mondiale 2020. Il calendario della categoria regina del motociclismo, infatti, è continuamente in evoluzione: fino a questo momento, sono saltati i Gran Premi del Qatar, della Thailandia, dell’Argentina, degli Usa, della Spagna, della Francia, dell’Italia e della Catalogna.

Al momento, l’intenzione sarebbe quella di cominciare il prossimo 19 luglio a Jerez, con il primo GP denominato GP di Spagna, mentre il successivo sarà quello di Andalusia, sulla medesima pista, la settimana successiva. Il calendario 2020 finale dovrebbe essere ufficializzato dalla Dorna entro metà giugno e prevedrà, per il momento, solo gare in Europa, a porte chiuse. Solo più avanti si vedrà se sarà possibile recuperare alcune gare extraeuropee, ma a causa dei costi elevati, solo se potranno essere effettuata con la presenza del pubblico.

A parte il calendario, le discussioni vanno sempre a finire sullo stesso punto, ovvero chi riuscirà a dare fastidio a Marc Marquez nella corsa verso il titolo 2020? Nelle ultime stagioni, non c’è stato nessuno davvero all’altezza di tale ruolo e i principali rivali si sono progressivamente fatti da parte con il passare della stagione.

Le quote per la vittoria del mondiale

Anche i bookmaker sono ovviamente scesi “in pista” e hanno voluto dire la loro su quelli che sono i piloti maggiormente accreditati nella corsa al titolo mondiale. Ebbene, il grande favorito da questo punto di vista è Marc Marquez, che un po’ tutti i principali portali dedicati alle scommesse online indicano come l’indiziato numero uno per ripetersi. La quota legata al suo successo nel Mondiale MotoGP 2020 si aggira tra 1,60 e 1,70 su un po’ tutti i più importanti bookmaker.

Dietro Marquez c’è un po’ il vuoto, dando un’occhiata alla griglia delle quote dei più importanti piattaforme di casino online. Per i bookmaker, il pilota che potrebbe mettere i bastoni tra le ruote a Marquez è un altro spagnolo, ovvero Maverick Vinales, la cui quota legata alla vittoria finale si aggira tra 5,50 e 6. Poco più indietro Andrea Dovizioso, la cui quota è pari a circa 7,50, mentre il “miracolo” sportivo di Valentino Rossi, con una sua affermazione nella corsa al titolo mondiale è quotata ben 25 volte la posta.

Chi sarà il vero rivale di Marc Marquez?

Secondo il campione del mondo in carica, il rivale che potrebbe dargli maggiore fastidio nella corsa verso il Mondiale è Fabio Quartararo. Marc Marquez non ha avuto alcun dubbio, nel corso delle ultime settimane, a indicare proprio il pilota francese come quello maggiormente pericoloso. Prima di tutto perché ha un anno di esperienza in più nella classe regina, che non è mai un aspetto da sottovalutare.

In secondo luogo, Marquez ha messo in evidenza come, già nei test che hanno preceduto l’inizio della stagione, che poi è stato ritardato per via della pandemia dovuta al Coronavirus, Quartararo ha dimostrato di essere particolarmente competitivo e di avere tutte le carte in regola per fare bene fino al termine della stagione. Se è vero da una parte che non corre con una squadra ufficiale, d’altro canto è altrettanto vero che può contare comunque su una moto ufficiale, che è l’aspetto che fa maggiormente la differenza.

Grande attenzione, però, Marquez la dovrà prestare anche nei confronti della Yamaha di Maverick Vinales che, negli ultimi test prima dello stop per il Covid-19, è stato veramente impressionante, non solamente sul giro secco, ma pure sul passo gara. E l’aspetto che potrebbe fare sempre più la differenza è l’adattamento della M1 alle nuove mescole Michelin di nuova generazione. Difficile pensare, infine, che Valentino Rossi possa rappresentare una valida minaccia, soprattutto per via di tutte le difficoltà palesate dal suo team nei test di avvicinamento al Mondiale e i tecnici dovranno trovare una soluzione per il degrado dello pneumatico posteriore. Honda e Ducati sono dietro nella corsa al Mondiale e, per tale ragione, Marquez quest’anno potrebbe trovare molti più ostacoli del solito nella corsa al titolo 2020.

Share

Articoli che potrebbero interessarti