Tu sei qui

SBK, CIV - Cavalieri: "Pronti a ripartire, posso dare fastidio a Pirro"

"Il team Barni ha preso l'iniziativa ed è stata una mossa furba e positiva. Il mio 2020? Sono maturato e posso fare cose importanti"

SBK: CIV - Cavalieri: "Pronti a ripartire, posso dare fastidio a Pirro"

Share


Senza il Coronavirus, e lo stop che la pandemia sta generando, oggi si sarebbe scesi per la prima volta in pista per il CIV. Team ed appassionati non vedevano l’ora di vedere le moto accendersi nei box del tracciato di Misano. Purtroppo, così non è, anche se il Campionato Italiano si appresta ad essere uno dei primi a ripartire, con i team che hanno avuto una discussione con la Federazione circa le modalità (soprattutto sanitarie ed economiche) della ripresa. 
Insieme agli appassionati citati prima, a non vedere l’ora che le moto si accendessero erano anche i piloti, che quelle moto poi le avrebbero portate in pista dando inizio al Campionato.

“Il team Barni ha preso l'iniziativa – ci ha detto nel corso di una intervista telefonica Samuele Cavalieri, pilota del CIV e compagno di squadra di Michele Pirro, riferendosi al comunicato del team in merito alla riunione con la Federazione – ed è stata una mossa veramente furba e positiva. Queste riunioni ci avvicinano sempre di più alla normalità, io mi alleno tutti i giorni per farmi trovare pronto, ma credo che finché la vita normale e il calcio saranno ferme sarà difficile anche per noi tornare in pista”. 

Samuele, per te il 2019 è stato un anno complicato ma che allo stesso tempo ti ha portato di nuovo nel Team Barni, come lo riassumi?

“Si, hai detto bene. La scorsa stagione è stata piena di cambiamenti e con il vecchio team penso di avere dimostrato di andare forte e di avere del potenziale. C’è un po’ di amaro in bocca per il finale di stagione e per una classifica che non ha rispecchiato ciò che mi sarei meritato ma ci sono state tante soddisfazioni tra cui anche la Wild Card nel mondiale a Misano”. 

Quella è stata una grande opportunità e non hai di certo sfigurato, che weekend è stato?

È stato una specie di sogno, alla fine il mio obiettivo è correre nel mondiale e farlo anche solo per un weekend è già molto. Il fine settimana è stato movimentato perché non ho potuto fare un vero e proprio test per abituarmi alla moto del mondiale per via della pioggia che poi ci ha “rincorso” un po’ per tutto il tempo, ma un doppio 13° posto non è stato assolutamente male”. 

Quest’anno per te un ritorno al passato con il team Barni e Michele come compagno di squadra, lo vedi come un passo in avanti nella tua carriera?

“Michele mi segue da un po’ di tempo e in questo momento secondo entrambi era il momento giusto per tornare nel team. Devo ringraziare lui e Marco Barnabò per questa opportunità e so di essere maturato molto rispetto all’ultima volta che ero uscito da questo box. Ora sono ad un altro livello, prima vedevo Michele come una figura molto più in alto di me, mentre ora so di potergli dare fastidio, anche se ho ancora molto da imparare”. 

Come ti sei avvicinato alle moto? Sei stato un appassionato fin da bambino?

“Le moto sono un amore a 360°, fino a 6 anni vedevo solo il motomondiale e Rossi era il mio idolo, poi mi sono reso conto che la MotoGP era un po’ monotona e ho iniziato a guardare anche la SBK che aveva delle sfide incredibili negli anni di Bayliss e Toseland”.

Anche al giorno d’oggi la SBK sta cercando di rispettare quel DNA di spettacolarità e ne sono una dimostrazione le gare di Phillip Island. Come hai visto la Ducati in Australia?

“Sono state tre gare bellissime, Phillip Island è una pista caratteristica che favorisce la bagarre ma comunque credo che quest’anno tutte le case possano vincere. La Ducati non ha più quello strapotere sul rettilineo perché Redding pesa di più di Bautista ma anche perché gli altri, e soprattutto la Yamaha, hanno fatto dei passi in avanti”. 

Nella V4 c’è qualcosa che miglioreresti?

“Rispetto al bicilindrico è migliorato un po’ tutto. Ma secondo me manca ancora un po’ di controllo nella moto, sembra meno precisa delle concorrenti”. 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti