Maserati MC20, scocca in carbonio e 600 cavalli per la super sportiva

Doveva nascere come modello della casa del biscione, sorella maggiore dalla Alfa Romeo 4C, è diventata una delle Maserati più attese

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Sono entrati in gioco la fusione dei due Gruppi FCA e PSA, oltre che piani strategici che negli ultimi mesi sono stati stravolti più volte per gli eventi, a partire dalla prematura scomparsa di Marchionne, fino alla inattesa situazione legata alla pandemia Covid-19. Nelle intenzioni iniziali il progetto era legato al marchio Alfa Romeo e doveva essere la sorella maggiore della 4C. Gli eventi hanno portato ad un colpo di scena, con un nuovo marchio, ma non solo, perchè il progetto, divenuto di Maserati, è stato poi ovviamente rivalutato in non pochi aspetti. Per ora ufficialmente sono trapelati degli scatti di un prototipo camuffato ed un video “emozionale” che dichiara anche il nome definitivo (ma lo sarà davvero?) del modello, MC20 appunto.

Una sigla che significa Maserati Corse 2020 e celebra il ritorno del marchio al mondo delle competizioni. La super sportiva è infatti il primo modello di una “nuova era” per Maserati. Inizialmente prevista per fine maggio, probabilmente la presentazione slitterà di qualche settimana. Sviluppata dal Maserati Innovation Lab, sarà prodotta presso lo storico stabilimento di Viale Ciro Menotti a Modena. Guardando al recente passato, non è l’unico modello “estremo” affiancato alla gamma delle classiche gran turismo del tridente.

Tutti noi ricordiamo infatti la Ferrari Enzo rivista e proposta come nuovo modello da Maserati, la pluri vittoriosa MC12, che nel 2004 segnò anche il ritorno alle competizioni dopo 37 anni. Un’auto che in pista ha collezionato 22 vittorie (di cui 3 successi assoluti alla 24 Ore di Spa) e 14 titoli nel FIA GT tra Coppe Costruttori, Campionati Piloti e Campionati a Squadre. Un punto di contatto con la futura MC20 è che Maserati tornerà nel mondo delle corse proprio con lei, a circa 10 anni di distanza.

Ulteriore dettaglio arrivato in forma ufficiale è che, per produrla, verrà aggiornato lo storico impianto Maserati di Viale Ciro Menotti, dove è già iniziata la costruzione di una linea di verniciatura, del tutto nuova per la struttura, dotata di avanzate tecnologie innovative a basso impatto ambientale.

NATA ALFA ROMEO, DIVENTA MASERATI

Ci sono, visivamente e soprattutto tecnicamente, dei punti di contatto con la Alfa Romeo 4C, di cui come detto questo progetto avrebbe rappresentato una ulteriore tappa (si vociferava del nome 6C). La nuova Maserati MC20 avrà un cuore tutto suo, un V6 a doppio turbocompressore, che potrebbe produrre oltre 600 cavalli. Questo motore sarà accoppiato ad una trasmissione a doppia frizione a otto rapporti, mentre non è noto se la trazione sarà solo posteriore o integrale. Certo invece l’impiego del carbonio per il telaio a vasca, del tutto simile alla citata Alfa Romeo 4C.

La vettura non sarà però una evoluzione della sportiva del biscione, ma una sorella maggiore, superiore di molto sia per prestazioni che per dimensioni. Qualcuno ha già prodotto dei rendering dell’aspetto definitivo, ma occorrerà attendere ancora alcune settimane per avere informazioni ufficiali più dettagliate.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti