Come eravamo: "Fast" Freddie Spencer ed il suo debutto con Yamaha

Un camioncino per cambiarsi, una Yamaha 500 provata una sola volta ed il mitico Erv Kanemoto al suo fianco

Share


Oggi Sky (canale 208) dedica una parte della sua programmazione a Freddie Spencer. Di 'Fast Freddie' tutti ricordano gli anni anni vincenti con la Honda. Quasi nessuno il suo debutto con una Yamaha 500, a Zolder. Il nostro Paolo Scalera era lì e la loro amicizia prosegue tuttora. Buona lettura.

------

"Ti vorrei presentare un pilota". Quante volte abbiamo sentito questa frase! Quella volta, però, a pronunciarla fu Erv Kanemoto, un preparatore nippo-americano che contrariamente all'aspetto non parlava una parola di giapponese, ma era un tipo serio ed affidabile e sempre sorridente perciò lo seguimmo fino ad un furgoncino aperto all'interno del quale si stava infilando la tuta un ragazzo molto giovane che immediatamente interruppe ciò che stava facendo, scese e ci strinse la mano con cordialità, presentandosi.

"Questo è Freddie, Freddie Spencer. Vedrai, sentirai parlare molto di lui", disse Kanemoto accompagnando la frase con quel suo simpatico sorriso ad occhi socchiusi.

Il ragazzo non sembrava timido ma nemmeno con quell'arroganza malcelata tipica di tanti piloti e che deriva dall'enorme stima di sé necessaria per fare questo mestiere. Aveva un modo di proporsi dolce, non si imponeva e ciò ci piacque molto. Parlava lentamente, con uno spiccato accento del sud non sempre facilissimo da comprendere e accompagnava ogni parola con un gesto del volto, una smorfia delle labbra a cui corrispondeva sempre una luce diversa negli occhi.

Freddie indossava una tuta bianca ed azzurra e vicino al furgoncino c'era una Yamaha 500 color argento metallizzato e blu, senza sponsor se si eccettua un marchio Bel-Ray, ma all'epoca, quando praticamente tutte le case correvano senza finanziatori non ci facemmo caso.

Il circuito sul quale Spencer avrebbe debuttato era Zolder. Dopo lo sciopero del '79 a Francorchamps il motomondiale si era trasferito lì il che equivaleva a passare dalla padella alla brace. L'asfalto era fortemente ondulato, per via della F.1, e Freddie che aveva provato la moto una volta sola, a Laguna, si presentò con una forcella Marzocchi per tornare poi subito ad una standard Yamaha. Erv con orgoglio ci mostrò i carburatori Lectron e le espansioni fatte da lui mentre Freddie se ne stava con la parte superiore della tuta che gli pendeva sui fianchi. Sembra un bravo ragazzo, pensammo.

In prova non fece sfracelli. La pole andò a Mamola davanti a Cecotto ed Uncini. Freddie fece l'11° tempo.

"Lo vedrai in gara", disse Erv Kanemoto, ma non ci fu praticamente gara per il debuttante della Lousiana: saltando sulla moto, dopo la partenza a spinta, si ruppe il rubinetto della benzina, e il carburante finì sulla gomma posteriore. Il Gran Premio numero zero di Freddie Burdette Spencer finì lì. Era il 6 luglio del 1980.

A quel primo incontro ripensammo sei anni dopo, il 4 maggio, a Jarama, vedendolo rientrare ai box dopo quindici giri percorsi al comando, apparentemente con la moto in perfetto ordine. Uscì dalla Rampa Pegaso e si infilò nella pitlane, rifugiandosi nel box.  Erv tirò giù la saracinesca. Non lo sapevamo ancora, ma la carriera di Freddie finiva lì.

Era lo stesso Spencer di Zolder del quale avevamo nel frattempo conosciuto altri aspetti, come la sua religiosità, divenuto per tutti, ormai, "Fast Freddie". L'anno prima aveva vinto contemporaneamente il titolo della 250 e quello della 500 portando i suoi mondiali, con quello del 1983 conquistato battendo Kenny Roberts, a tre. E nessuno, e dico nessuno, avrebbe mai scommesso una lira sul fatto che il ragazzo non avrebbe dominato anche il campionato del 1986.

Quella gara la vinse Wayne Gardner davanti a Eddie Lawson, ma entrambi erano stati lasciati indietro come al solito fin dal primo giro da Freddie Spencer che aveva una sovrumana capacità di andare al cento per cento con le gomme fredde. Un particolare non da poco in un periodo in cui non c'erano ancora le termocoperte.

Così, alla fine, col senno del poi era stata una carriera breve quella del pilota presentatoci da Kanemoto a Zolder. Cinque stagioni in tutto, perché in quelle successive non fu mai più, e nessuno fu più mai, Freddie Spencer.

Guidava come nessuno, all'epoca, ed in un modo che Roberts, nonostante fosse un innovatore, rifiutava di accettare.

Anni dopo, molti anni dopo, parlando di lui e della malattia che lo avrebbe fermato - una misteriosa tendinite che però non aveva dato alcun segno nel suo fantastico 1985 - Erv Kanemoto ci rivelò alcuni particolari inediti della sua personalità. Come quello di lasciare sempre gli indumenti del team dovunque si trovasse, perché amava viaggiare senza bagagli. Ian MacKey, un uomo chiave della HRC, aggiunse che Sarie, la sua ragazza, Miss Louisiana, dormiva in albergo, lui nel motor-home. Dettagli, come quel suo viaggiare in prima classe, con il Concorde, che lo rendevano molto diverso dai suoi colleghi. Ed in un certo senso marziano al suo mondo.

Freddie fu una cometa e attraversò il nostro orizzonte con la rapidità di quell'oggetto celeste, suscitando in noi la medesima emozione. Stupore. E meraviglia.

Oggi compie 49 anni.

Immagini: Sarie bacia sul casco Freddie prima del via; Spencer fra Barry Sheene ed un giovane e barbuto Jeremy Burgess.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti