Tu sei qui

Nissan: il futuro sarà senza tablet. Ariya spiana la strada

Infotainment e sicurezza vanno d'accordo? Dopo la diffusione degli schermi touch, un dibattito legato alla sicurezza. Ecco  il concept Ariya: lo schermo orizzontale “a onda”, creato per l’occhio umano

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Tutte, ma proprio tutte le auto, sono dotate ormai di infotainment; sì, persino le citycar. Moda? Tendenza? In ogni caso, al centro del cruscotto, fa mostra di sé questo schermo simile ad un tablet, che chiaramente vede differenti dimensioni a seconda del mezzo su cui è montato. Agli utenti finali, piacciono, ma i Costruttori che guardano sempre al futuro devono valutare un insieme di parametri, quali il design, la tecnologia e la funzionalità. Questi sistemi però possono anche essere una fonte di distrazione, anche questo è sempre più un elemento da valutare.

Nissan e il concept Ariya, qualcosa cambierà

Si sa, i concept sono il futuro, sono quello che vedremo, ed il futuro di Nissan ha il nome di Airya. Il marchio giapponese però, desidera cambiare l'idea dell'attuale plancia, vuole proporre qualcosa di innovativo. Ecco che dunque al posto dello schermo in formato tablet, il crossover elettrico mostra un display composto da due schermi con un andamento curvilineo. Desidera ricordare un’onda, creando un effetto più che piacevole alla vista, poiché va ad integrarsi ad altri elementi che richiamano l’idea dell’orizzonte, e che troviamo all'interno dell'abitacolo del mezzo. I designer Nissan lo chiamano Timeless Japanese Futurism, linguaggio innovativo che trova spazio anche nello “shield” frontale di questo concept.

Tomomichi Uekuri, Senior Manager del team di progettazione HMI

A spiegarci il perché di questo design, è Tomomichi Uekuri, Senior Manager del team di progettazione HMI: “Durante la guida l’occhio umano tende naturalmente a guardare da un lato all’altro. Il cervello è in grado di vedere e assorbire più informazioni se vengono collocate in orizzontale. Anche la visione periferica funziona in questo modo”. Infatti, le informazioni sono così più chiare e soprattutto nella linea di vista del guidatore, andando ad aumentare la sicurezza durante la guida, poiché ci si distrae meno. Ovviamente il display include e mostra tutte le informazioni di un classico quadro strumenti.

Possibilità di personalizzazione e più sicurezza

La cosa interessante è che nonostante la presenza di due schermi, le informazioni possono essere spostate o fatte scorrere da un display all’altro a proprio piacimento. Questo offre quindi la sensazione che ci sia un elemento unico. Perché questo? Immaginiamo che siate in città, alla ricerca di un indirizzo. Così facendo, potreste avere la possibilità di mettervi davanti agli occhi il navigatore e spostare tutte le altre informazioni, in quel momento non utili. Uekuri, così continua: “L’innovativa struttura a onda del display si basa su un design ergonomico sia per il quadro strumenti, sia per il display centrale. Questo ottimizza la visibilità, permettendo al tempo stesso a chi guida di raggiungere agevolmente il touch screen del display centrale”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti