Tu sei qui

La fuga nei film: nuovi consigli cinematografici per la quarantena

12 film su questo tema per farvi fuggire con la mente... mentre rimanete a casa: da Easy Rider a Into the wild, dall'Attimo Fuggente ad Interstellar. Gli imperdibili

Playtime - Cinema: La fuga nei film: nuovi consigli cinematografici per la quarantena

Share


Prosegue la quarantena ma GPone non vi abbandona! Per chi è costretto a casa ma anche per coloro che ancora si adoperano al servizio del paese e che fossero in cerca di uno svago, noi di GPone veniamo in vostro soccorso.

Per affrontare questa grande sfida che ci accomuna, abbiamo scelto, non senza una punta di sarcasmo, una tematica quantomai interessante: LA FUGA. Che sia una fuga fisica, mentale, dalla realtà o dai pregiudizi, il tema della fuga è stato affrontato in molteplici varianti sul grande e sul piccolo schermo. Noi ve ne proporremo alcune, senza alcuna pretesa di classifiche qualitative.

Ecco quindi un'altra sfilza di consigli cinematografici ,da vedere o da rivedere:


EASY RIDER - in quanto testata giornalistica principalmente sportiva, ci sembrava doveroso iniziare con un grande classico del cinema su due ruote. Considerato uno dei film simbolo della "New Hollywood",questa pellicola del '69 è inserita tra i 100 migliori film statunitensi. IL Road Movie per eccellenza, si inserisce in pieno in quella cultura di controtendenza e quella voglia di evasione e di libertà tipica di quegli anni. Con protagonisti Dennis Hopper, Peter Fonda e Jack Nicholson e sulle note di Born to be wild degli Steppenwolf, viaggerete attraverso l'America di fine anni '60 sul vostro comodo divano.

L'ATTIMO FUGGENTE - La fuga non necessariamente implica uno spostamento fisico. In nessun altro film come in Dead Poets Society (questo il titolo originale) è sottolineata l'importanza della lettura e dell'aprire la mente. Leggere è a suo modo una fuga dalla realtà, e il celebre film di fine anni '80 con protagonista il professor Keating, interpretato dal compianto Robin Williams, ne è un valido esempio.

INTO THE WILD - Tratto dalla storia vera di Christopher McCandless, che nel film è interpretato da Emile Hirsch,Into the Wild è un film del 2007 che segue il viaggio (o la fuga?) di un giovane ragazzo di buona famiglia che lascia tutto alle sue spalle per viaggiare a piedi attraverso gli States. Nel suo viaggio incontrerà molte persone , ma nulla riuscirà a distorglierlo dal suo sogno di andare a vivere in Alaska in completa solitudine, a contatto con la natura incontaminata. Splendida anche la colonna sonora firmata dal noto chitarrista Eddie Vedder.

MEDITERRANEO - Un classico del cinema italiano, diretto da Gabriele Salvatores e vincitore del premio Oscar al film straniero nel 1992.Narra le vicende di un manipolo di soldati che approdano in una piccola isola dell'Egeo durante la seconda guerra mondiale. Complici l'isola pressochè disabitata e l'impossibilità a mantenere dei contatti col mondo esterno, i giovani soldati finiranno per dedicarsi ad attività del tutto estranee alla guerra e questo inevitabilmente cambierà il loro modo di vedere e di vedersi.

FUGA DA NEW YORK - John Carpenter firma un vero e proprio film cult della cinematografia anni '80, con protagonista Kurt Russell nel ruolo di Jena Plissken, moderno antieroe il cui compito sarà di salvare il presidente degli Stati Uniti da una New York allo sbando in preda a orde di criminali.Questo film è considerato uno dei capostipiti del genere futuristico/apocalittico, creando nell'immaginario dello spettatore scenari di una città in preda al caos dove il controllo delle autorità viene meno.

AMERICAN HISTORY X - Derek Vinyard, interpretato da un carismatico Edward Norton (che per questo ruolo si guadagnò una nomination agli Oscar, che non vinse), è uno skinhead neonazista che rilasciato dopo tre anni di carcere per duplice omicidio, farà di tutto per impedire che il giovane fratello commetta gli stessi errori seguendo le sue orme. La lunga permanenza in carcere infatti farà si che il protagonista rivaluti le proprie convinzioni in una sorta di fuga da se stesso.Nonostante il finale tragico , questo film è un perfetto esempio di come l'isolamento può essere occasione di profonde riflessioni.

FUGA DA ALCATRAZ - Altro classico della cinematografia di fine anni '70, con protagonista Clint Eastwood nei panni di Frank Morris, un rapinatore detenuto nel carcere di massima sicurezza di Alcatraz. Come da titolo il film, tratto da una storia apparentemente vera (ma non ufficialmente documentata) narra le vicende di un gruppo di detenuti e del loro rocambolesco piano per evadere da quello che agli annali fu consegnato come un carcere praticamente inespugnabile.

INTERSTELLAR - Grandissimo capolavoro di fantascienza firmato Christopher Nolan, con un cast che annovera attori come Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Matt Damon e Michael Caine. In un futuro non molto lontano, una terra ormai inaridita si sta trasformando in un luogo inospitale per la razza umana. Sarà compito di un gruppo di astronauti "fuggire" alla disperata ricerca di una nuova casa per il genere umano. Accompagnati dalle note di Hans Zimmer, il film ha anche ricevuto la consulenza scientifica del noto fisico teorico Kip Thorne.

THE ISLAND - una Fuga da una realtà fittizia per Ewan Mcgregor e Scarlett Johansson in questo film di fantascienza diretto da Michael Bay nel 2005. Tra istanze di eugenetica e riflessioni etiche quantomai attuali, il film segue le vicende di Tom Lincoln, un sopravvissuto a una catastrofe batteriologica rinchiuso in una struttura di massima sicurezza.. ma la realtà si rivelerà ben diversa.

THELMA & LOUISE - Un Road Movie al femminile con un cast d'eccezione tra cui spiccano le protagoniste Geena Devis e Susan Sarandon. Un film che si fregia anche di un Oscar alla sceneggiatura, segue le vicende di due casalinghe in fuga sulla loro Ford Thunderbird. Fuga dalla loro vita insoddisfacente all'inizio, che si tramuterà in fuga dalle forze dell'ordine a seguito di una svolta tragica lungo il corso della pellicola, è uno dei film emblema della ricerca della libertà oltre ogni cosa e circostanza.

LE ALI DELLA LIBERTA' - Tratto da un soggetto di Stephen King, un altro film ambientato in un penitenziario. Con protagonisti Tim Robbins e Morgan Freeman, narra le vicende di Andy, accusato di duplice omicidio e per questo condannato a un doppio ergastolo. Il film segue le sue vicessitudini e le sue conoscenze all'interno della prigione, di come il tempo trascorso cambi non solo lui ma anche le persone con cui viene in contatto, e di come in ultima analisi la tensione alla fuga prevalga alla fine su tutto.

SOURCE CODE - Con Jake Gyllenhaal e Michelle Monaghan e diretto da Duncan Jones(figlio di David Bowie ndr), Source Code è un film che si dipana tra thriller e fantascienza. L'ufficiale Colter Stevens partecipa a un progetto militare sperimentale volto ad evitare attentati terroristici. Egli rivive, attraverso un elaborato sistema, i ricordi di una vittima di un attentato, ma durante il film la sua percezione della realtà cambierà con risvolti incredibili, arrivando al punto di creare, forse, realtà alternative e riuscire così a fuggire dalla propria.

Share

Articoli che potrebbero interessarti