Tu sei qui

MotoGP, Valentino Rossi: "Lo sport doveva fermarsi, troppi soffrono"

Il lungo intervento di Rossi a Sky: "La mia decisione? Spero di avere qualche gara, ovviamente i piani sono scombussolati. So che mi mancherà quella sensazione che provi prima della partenza"

MotoGP: Valentino Rossi: "Lo sport doveva fermarsi, troppi soffrono"

Share


ORE 16:00 - Termina con queste parole su Ayrton Senna l'intervento di Rossi a Sky. Grazie per aver seguito il nostro LIVE, abbiamo cercato di farvi passare qualche minuto in compagnia di Rossi, che ha parlato della situazione a tutto tondo offrendo diversi argomenti molto interessanti. Speriamo tutti di rivedere Valentino come tutti gli altri piloti presto in azione in pista, perché vorrà dire che la situazione starà tornando o sarà già tornata completamente alla normalità. 

ORE 15:56 - "Ayrton Senna è stato uno dei piloti più importanti della storia delle corse a tutti i livelli. Molti piloti sono diventati piloti o si sono ispirati a lui. E' stato secondo me il pilota con più talento della storia, avrebbe compiuto 60 anni oggi ma purtroppo non c'è. Sarebbe stato bello conoscerlo". 

ORE 15:54 - "Più difficile una MotoGP o una Formula 1? Di base la moto è più difficile da guidare, perché non sei legato. In auto sei come bloccato. Sulla moto devi essere molto preparato fisicamente, direi che in generale secondo me è un po' più difficile da guidare. Però la Formula 1 è un mezzo estremo e tutt'altro che facile da guidare, il livello di difficoltà è molto simile in realtà. Per andare forte con la MotoGP devi aver guidato la moto da bambino, serve una padronanza del mezzo che si acquisisce solo da bambino". 

ORE 15:52 - "Secondo me per il calcio è un peccato non assegnare il campionato. Sono arrivati a più di metà, la Juventus è prima. Quindi vanno bene play off e playout! Non lo so onestamente sarà una stagione condizionata, le ultime partite si guardavano con un occhio strano, ci si domandava quanto senso avesse giocare a calcio in un momento del genere. Immaginate come sarebbe andata se avessero corso la Formula 1. Lo sport si deve fermare, troppi soffrono e dobbiamo aspettare che la gente stia bene". 

ORE 15:50 - "Provi quella sensazioni da subito dopo il warmup a quando inizia la gara MotoGP. Noi poi siamo tutti appassionati, vediamo anche le gare degli altri. Quando parte la Moto2 però sai che dopo tocca a te ed è strano. La sensazione dura fino a 5 minuti prima del semaforo verde, poi alla fine invece entri in una sorta di dimensione diversa. Da quel punto in poi sei solo e pronto ad affrontare la gara". 

ORE 15:47 - "La partenza con la moto è una sorta di rito. Mi chino al fianco della moto, le dico che da lì siamo io e lei, che mi deve dare una mano. E' come se mi mettessi a conversare con lei. In realtà lei non mi risponde mai! Ma in realtà ci credo talmente tanto che se un giorno dovesse rispondermi non sarei poi così sorpreso. Quello che si prova prima della gara è bello e secondo me quando smetterò di correre è proprio la cosa che mi mancherà di più. Hai tante sensazioni, ti senti bene e male assieme, secondo me tanti piloti corrono proprio per quello che senti in quei momenti dopo il warmup e prima della gara. Ognuno fa le sue cose prima della partenza, serve per tagliare con tutto e restare da solo con la moto. E' una sensazione bella".

ORE 15:45 - "Non so se posso parlarne, ma Bollani ( il PR Yamaha MotoGP) mi ha detto che anche la MotoGP sta cercando di organizzare una cosa in stile Formula1, quindi i piloti si sfideranno in videogioco con MotoGP sulla Playstation. Ci sono tanti piloti che giocano con la Play, Pecco è forte ed anche Luca. Io giro anche con la Play, ma non vado forte, prenderò paga! Io sono vecchio, ma sono cresciuto con le sale giochi, con la Playstation. Ricordo la prima volta che presi la PS1, saranno passati 25 anni. Ricordo anche io il Commodore!".

ORE 15:43 - "Graziano in questo periodo gira in auto, ma adesso non si può. Sta a casa! Ogni tanto viene a mangiare qui a casa, diventa il Graziano Day. Di solito è il martedì, viene qui, parliamo un po' di tutto".

ORE 15:37 - "Quest'anno l'importante sarebbe fare il più gare possibile, ma non è detto che fare 20 gare sia fondamentale. Si potrebbe fare le doppie gare in stile SBK. Il minimo per rendere il campionato reale ci vogliono 13 gare e farle bene può bastare, con l'attuale format. Vediamo cosa dice Ezpeleta e poi dobbiamo anche vedere cosa dice il virus". 

ORE 15:35 - "Sto lavorando per fare un museo con tutti i miei cimeli, Tavullia sta diventando una sorta di luogo di pellegrinaggio per i miei tifosi. Abbiamo visto altri posti simili, come il museo della Ferrari ed abbiamo capito che per farlo dobbiamo farlo per bene, ad alto livello. Stiamo cercando un posto dove realizzarlo". 

ORE 15:33 - "Ho partecipato al live di Jovanotti e Fiorello ha parlato di un bambino. Il grande Ferrari diceva che i piloti che quando fanno un figlio perdono un secondo al giro ed io vista la mia situazione attuale non posso permettermelo!"

ORE 15:31 - Rossi: "Il mio avversario preferito? Mi piacerebbe fare una gara contro Kevin Schwantz, è sempre stato il mio pilota preferito, da ragazzino guardavo le gare degli anni d'oro della 500. Lui è sempre stato il mio preferito, mi piacerebbe fare una sfida contro di lui io in sella alla Yamaha 500 e lui in sella alla Suzuki 500. Ho avuto l'onore di giocare contro Sankio alla Playstation, quello l'ho archiviato!".

ORE 15:30 - Anche Francesca Novello interviene: "Non ho mai sentito suonare Valentino la chitarra, ha negato anche a me questo piacere! Ma è un ottimo DJ, se dovesse decidere di fare una carriera nella musica, farei la ballerina per lui!"

ORE 15:29 - "Se non avessi fato il pilota? Avrei fato qualche sport in modo agonistico. Insomma, avrei comunque fatto in modo di non lavorare!"

ORE 15:26 - "E' stata dura, perché abbiamo capito che non avremmo corso proprio la domenica prima di partire. Questo ha scombussolato i miei piani, bisognerà capire quando riusciremo a correre. Le cose sembrano andare per le lunghe, hanno cancellato l'Europeo di Calcio. Riguardo la mia scelta, io speravo di poter decidere se continuare dopo la prima parte della stagione, ma adesso slitta tutto. Vorrei qualche gara per capire quanto posso essere competitivo, quello sarebbe importante"

ROSSI E FRANCESCA NOVELLO

ORE 15:25 - "Mio fratello Luca è un pilota molto intelligente e freddo. Gli invidio un po' questo, noi lo chiamiamo il pilota russo, Marinovic. Gli consiglierei di crederci sempre, di fare il massimo, ha tanto talento e velocità e secondo me può vincere tanto nella sua carriera. Io sono abbastanza freddo, ma secondo me per carattere ognuno è fatto in un modo. Luca è molto più freddo di me, anche prima della gara è sempre tranquillo, quasi gelido". 

ORE 15:23 - "Qui a casa ho una palestra, mi sto allenando e cerco di tenermi in forma. Passo molto tempo in modo ludico! Guardo tanti film e serie TV con Francesca. Poi giochiamo molto ai simulatori, tipo GT. Gioco anche contro Sankio, che nel 2019 ha vinto il titolo di campione. Si è anche fatto una maglietta autocelebrativa!".

ORE 15:22 - "La mia collezione personale? In realtà ogni anno ho sempre lottato duramente con Dainese perché teoricamente noi piloti ogni anno dobbiamo restituire le cose alle aziende, solo che io volevo fare questa sorta di museo. Ho mandato le immagini anche a Lino Dainese, e gli è piaciuto tutto"

ORE 15:20 - "Il mio casco preferito? Quello usato al Mugello nel 2008, dove c'era la mia faccia con gli occhi sbarrati. Quello era veramente bello e particolare secondo me!"

ORE 15:18 - "Io sono stato fortunato, ho guidato la 500 e la MotoGP. Devo dire che mi ha impressionato molto di più la NSR piuttosto che la prima volta che provai la RCV 211. La provai il giorno dopo aver vinto la 8 Ore di Suzuka la prima MotoGP della Honda e non andava così forte. Io ero anche preoccupato, all'inizio la RCV non andava forte e pensavo che la 500 potesse andare molto più forte. Invece mi sbagliavo!"

ROSSI E MEDA

ORE 15:15 - Sono passati 20 anni dall'esordio di Valentino in 500. Ecco il suo ricordo dopo i primi giri in sella: "Me lo ricordo benissimo, la 500 era la moto più iconica e desiderata dai motociclisti. La prima volta che l'ho provata a Jerez nel novembre del 1999, arrivarono Burgess e Bernard, vestiti normali. Anche con dei maglioni piuttosto brutti, tipo rombi. Con dei jeans attillati a vita alta, e la moto era in un furgone noleggiato della Europcar, una situazione tragicomica. La moto la provai il giorno dopo e fu un'emozione incredibile. Avevo firmato con la Honda HRC e mi aspettavo un debutto alla grande, assembramento di uomini e mezzi. Invece arrivarono questi due e all'inizio non fu una bellissima sensazione. Ili primo giorno feci fatica, la moto andava veramente forte. Poi dal secondo giorni ero stato veloce, feci dei bei tempi. La NSR era una moto velocissima, ma anche facile da guidare". 

ORE 15:13 - "Noi facciamo il tifo per le persone di Bergamo e Brescia. Ho visto immagini bruttissime, sembra una zona di guerra. Ho tanti amici lì ed in questo momento sono io a fare il tifo per loro, mentre di solito sono loro che fanno il tifo per me".

ORE 15:12 - "Qui a Tavullia la situazione è difficile, purtroppo tante persone stanno male qui e anche a Pesaro. Dobbiamo tenere tutti duro, aspettando che passi questo momento". 

ORE 15:11 - Inizia adesso il collegamento con Rossi che dopo aver salutato racconta la situazione nella sua Tavullia.

ORE 15:08 - In studio Guido Meda attende il collegamento con Rossi, nel frattempo il servizio è stato anticipato dalle immagini adrenaliniche delle vittorie di Rossi a Laguna Seca nel 2008, Barcellona nel 2009 e Assen nel 2017.

ORE 15:05 - Ci siamo! L'azione in pista latita, ma Sky Sport MotoGP non vuole farci sentire la mancanza dei nostri campioni e tra poco inizierà il collegamento con Valentino Rossi, che trasmetterà direttamente dalla propria casa di Tavullia

Valentino Rossi sta seguendo in modo molto diligente le direttive del governo, come tutti gli italiani che stanno lottando per arginare la diffusione del Coronavirus. Dalle 15, Rossi si collegherà in diretta con gli studi di Sky Sport 24, dove ad attenderlo dall'altro capo dello schermo ci saranno Guido Meda e Mauro Sanchini, che proprio in questo weekend avrebbero dovuto raccontare la gara della Thailandia.

Seguiremo l'intervento di Valentino Rossi in diretta, per far vivere qualche minuto in sua compagnia anche da chi non ha l'abbonamento Sky. Il nostro LIVE inizierà alle 15, quando il pilota si collegherà con i colleghi di Sky. 

Stay Tuned!

Share

Articoli che potrebbero interessarti