McLaren, niente GP di Australia: "Lo facciamo per il bene della F1"

Il team che ha registrato il primo caso di Coronavirus del paddock prende una decisione drastica: "Dobbiamo proteggere i membri del team e dell'intero paddock, oltre che i tifosi"

Share


Lo spettro del Coronavirus si abbatte con violenza sul paddock della Formula 1. Il regolare svolgimento del Gran Premio di Australia non era stato messo in discussione nonostante la crescente emergenza e si era semplicemente optato per adottare misure di sicurezza di maggior spessore per salvaguardare la salute dei tifosi e di tutto il circus iridato.

Purtroppo però il Coronavirus ha trovato il modo di rovinare i piani di Liberty Media, l'equivalente di Dorna per la massima formula a quattro ruote. Un membro del team McLaren ha infatti manifestato i sintomi tipici della malattia ed è risultato positivo al tampone, portando la squadra alla decisione di ritirarsi dal Gran Premio. Al momento non ci sono comunicazioni da parte di altre squadre, ma è lecito aspettarsi che qualcosa si muova nelle prossime ore anche perché i meccanici di alcuni team rivali avrebbero paventato l'ipotesi di scioperare per fermare la gara. 

Questo il comunicato completo della squadra:

”La McLaren Racing ha confermato stasera il proprio ritiro dal GP Australia 2020 di F1, a seguito del test positivo al coronavirus di un membro del team. La persona è stata testata e isolata non appena ha iniziato a mostrare i sintomi e ora sarà trattata dalle autorità sanitarie locali. Il team si è preparato per questa eventualità e ha disposto un supporto continuo per il suo dipendente, che entrerà ora in un periodo di quarantena. Il team sta collaborando con le autorità locali competenti per assisterle nelle loro indagini e analisi. Zak Brown, CEO di McLaren Racing e Andreas Seidl, Team Principal della McLaren F1, questa sera hanno informato la Formula 1 e la FIA della decisione. La decisione è stata presa in base a un dovere di diligenza non solo per i dipendenti e i partner della McLaren F1, ma anche per i concorrenti del team, i fan della Formula 1 e tutte le parti interessate della F1”.

Lo stesso Lewis Hamilton aveva manifestato grande perplessità in merito alla decisione di mandare avanti il primo GP della stagione di Formula 1 e dopo questa evoluzione della situazione, probabilmente arriveranno altre dichiarazioni in merito proprio da parte dei piloti.

Share

Articoli che potrebbero interessarti