Moto2, Baldassarri: "Io e Bastianini ci siamo fatti scappare la vittoria"

"Nella bagarre ci siamo ostacolati, ma è andata meglio di quanto mi aspettassi". Enea: "voglio vivere gara per gara e salire ancora sul podio"

Share


Non tutto è andato per il meglio per gli italiani in Moto2, prima Marini, poi Baldassarri e Bastianini hanno cercato di vincere la gara inaugurale in Qatar ma non c’è stato nulla da fare contro Nagashima. Il doppio podio di Lorenzo ed Enea indora comunque un po’ la pillola e lo spettacolo offerto in pista dai due azzurri è stato di primo livello.

Per Balda è il terzo podio consecutivo a Losail, ma questa volta non ci avrebbe scommesso nemmeno lui.

È stata una gara inaspettata per me perché in questo fine settimana sono partico con tante difficoltà - ammette - Pensavo andare di potere andare forte ma non così tanto”.

Forse la vittoria era alla sua portata.

Io ed Enea ci siamo fatti scappare Nagashima - spiega - Abbiamo perso del tempo in bagarre e Tetsuta ne ha approfittato. Ho provato ad andarlo a prendere negli ultimi giri, ma sarebbe significato prendere troppi rischi”.

Meglio accontentarsi e portare a casa 20 punti importanti per un campionato che si prospetta molto combattuto. Anche l’anno scorso Baldassarri era partito bene, con tre vittorie nelle prime quattro gare, ma poi si era perso.

Ho grande lezione, cercherò di non ripetere stesso errore - ammette - C’erano stati tanti cambiamenti durante la stagione e quando non si ha serenità diventa difficile. Ora ho nuova squadra che lavora con me nel box e mi sento molto fiducioso e con una grande voglia di lottare”.

Anche Bastianini è contento di avere iniziato la stagione con un podio. Nella scorsa stagione, quella di debutto, ci era riuscito solo a Brno. Il pilota di Rimini ha lottato per tutta la gara, anche se la sua moto non era certo la più veloce sul dritto.

“Non c’era una grande differenza ma la notavo - racconta - Non riuscivo a superare in rettilineo, mentre gli altri lo facevano facilmente con me. Ho faticato contro Baldassarri, ho cercato attaccarlo nei curvoni veloci e questa lotta ci ha fatto perdere contatto con Tetsuta. Ci siamo comunque divertiti.

Enea, però, non sa se avrebbe potuto puntare alla vittoria.

Difficile dirlo - afferma - Vero che io e Lorenzo ci siamo un po’ ostacolati, ma Nagashima aveva forse una marcia in più negli ultimi giri”.

Nonostante la buona partenza, per il pilota del team Italtrans non è il momento di porsi obiettivi.

Voglio vivere gara per gara, sicuramente puntare sempre a salire sul podio e poi vedremo dove sarò a fine anno” il suo programma.

Share

Articoli che potrebbero interessarti