MotoGP, Capirossi: "GP di Austin? Seguiamo la situazione ora per ora"

Loris è in Qatar regolarmente al suo posto in Direzione Gara: "L'obiettivo è quello di correre tutte le gare rimanenti, possibili altri cambiamenti al calendario"

Share


Il motomondiale, anche se senza la MotoGP, è partito in Qatar. Domani Moto2 e Moto3 correranno a Losail e, al momento, questa è l’unica certezza. L’emergenza Coronavirus sta investendo tutto il mondo e, naturalmente, anche lo sport deve fare i conti con questa epidemia.

Stiamo valutando la situazione non giorno per giorno, ma ora per ora” assicura Loris Capirossi, membro della Direzione Gara, che è riuscito a raggiungere Doha avendo la residenza a Montecarlo e non essendo stato in Italia nelle ultime settimane.

L’ex pilota non può che confermare quello che ha detto il Ceo di Dorna Carmelo Ezpeleta nei giorni scorsi: “il nostro obiettivo è quello di correre tutte le rimanenti gare, ma è difficile al momento aggiungere di più. Magari ci saranno altri spostamenti, in qualche modo ci riusciremo”.

È di oggi la notizia che la città di Austin ha dichiarato lo stato di calamità locale e ha già annullato il South by Soutwest, un importante festival dedicato a musica e film. A questo punto, anche il GP texano del 5 aprile è a rischio e il successivo appuntamento sarebbe quello in Argentina.

Per adesso in Sud America non ci sono particolari problemi - ha sottolineato Capirossi - ma, ripeto, dovremo vedere come si evolverà la situazione, anche in Europa”.

Bisogna aspettare e sperare per il meglio, consapevoli che il calendario della MotoGP potrebbe subire ancora aggiustamenti. Sembra però impossibile l’opzione di accorpare MotoGP e SBK, significherebbe avere in pista 6 classi, troppe per un solo fine settimana.

Share

Articoli che potrebbero interessarti