Moto2, GP Qatar, Luthi piega Martin nella FP1 in Qatar, 7° Marini

Turno incandescente con ben venti piloti racchiusi in un solo secondo, in terza posizione Canet, mentre 8° Bezzecchi, 12° Di Giannantonio 

Share


Pronti, partenza, via! È la FP1 del venerdì mattina ad alzare il sipario sulla stagione 2020 della Moto2 e sul weekend di Losail, che aprirà la sfida nella corsa al titolo detenuto da Alex Marquez. A novembre lo spagnolo ha compiuto il salto di categoria, approdando nella MotoGP, di conseguenza non mancano i pretendenti nell’ambire al trono.

Uno di questi è senza dubbio Tom Luthi, che ha chiuso la scorsa stagione al terzo posto dell’assoluta, ma nel turno inaugurale ha pensato bene di fare la voce grossa. Lo svizzero ha infatti messo in riga la concorrenza, bloccando il crono sul tempo di 1’59”168, al termine di una FP1 che vede ben venti piloti racchiusi in un solo secondo.

C’è quindi ben poco da dire nell’analizzare i valori in campo, ancora di più dopo i test svolti nei giorni scorsi, che hanno consentito a squadre e piloti di essere preparati alla situazione. Sta di fatto che Luthi è riuscito a piegare Jorge Martin di soli 17 millesimi. Il portacolori KTM, in sella alla Kalex, ha tentato di mettere in discussione il primato dell’elvetico, ma alla fine si è dovuto accontentare del secondo posto, precedendo per l’occasione Aron Canet.

Insieme ai due spagnoli spicca anche Augusto Fernandez, reduce da un inverno non certo semplice a causa degli infortuni. L’alfiere Marc VDS ha comunque fatto capire di essere con i migliori, mettendo alle proprie spalle Roberts e Gardner.

Per quanto riguarda invece i nostri portacolori, il migliore è Luca Marini (+0.133), staccato di un solo decimo dalla vetta. La prestazione realizzata dall’alfiere dello Sky Racing Team VR46 gli vale l’aggancio alla settima piazza, precedendo il proprio compagno, Marco Bezzecchi, new entry nella squadra.

Alle spalle del romagnolo compare invece Jorge Navarro, vittima di una caduta dopo pochi minuti dal via della sessione. Stessa sorte anche per Lorenzo Baldassarri, finito a terra in chiusura di turno, ma senza registrare conseguenze. Il fuoriprogramma ha però costretto il marchigiano a non migliorare la 17^ posizione alle spalle di Vierge, incassando otto decimi dalla vetta.

Hanno saputo fare meglio Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini, rispettivamente 12° e 13°, così come Nicolo Bulega, che segue da vicino la coppia tricolore. Soltanto 19^ la MV Agusta di Stefano Manzi, mentre due posizioni più arretrata quella di Simone Corsi. Nelle retrovie invece la Kalex del team Italtrans di Lorenzo Dalla Porta, al debutto in Moto2 dopo il titolo vinto nella Moto3.

Share

Articoli che potrebbero interessarti