SBK, Johnny Rea è sul mercato: con Kawasaki solo se la moto è competitiva

Il manager dell’iridato è arrivato in Australia per parlare del rinnovo del contratto, che però non sembra essere così certo e scontato, anche perchè Jonathan non smentisce

Share


In MotoGP le trattative per il 2021 sono partite addirittura in estate, in Superbike invece il mercato è decollato a Phillip Island. Avete letto bene! Solitamente le trattative prendono il via dopo che la stagione sbarca in Europa, invece questa volta si è giocato di gran lunga in anticipo.

Attualmente un solo pilota ha il posto sicuro per il prossimo anno, ovvero Scott Redding, tutti gli altri invece sono in scadenza. Tra questi compare anche Johnny Rea, che a fine stagione dovrà rivedere la propria posizione con la KRT.

A quanto pare il Cannibale non vuole perdere troppo tempo, tanto che in Australia è arrivato pure Chuck Aksland, ovvero il suo manager. L’uomo di fiducia di Johnny è stato intercettato dai colleghi di Speeweek. Il tema è ovviamente il mercato: “In passato ho parlato con alcune squadre in MotoGP, ora invece stiamo cercando di capire quale sia la situazione – ha svelato l’uomo di fiducia di Johnny – dobbiamo capire con la Kawasaki come muoverci. Abbiamo iniziato a parlare per il prossimo anno e molto dipenderà da quella che sarà la moto e il materiale che Rea avrà a disposizione”.
 

Sono state fatte delle ipotesi di fantasia sul futuro di Rea, che ha tutto l’interesse, in questa fase, a far parlare di sé. Detto questo,  a quanto pare il Cannibale non ha dubbi riguardo cosa fare.

Johnny vuole rimanere qua, perché ha una certa età e gli piace quello che fa – ha aggiunto – il suo obiettivo è vincere, ma per farlo serve avere la moto competitiva”. In merito alla questione, Chuck non dà così per scontato il rinnovo: “Al momento non ci sono certezze, dato che molto dipenderà da cosa offrirà la Kawasaki a Johnny. Se il materiale sarà performante per lottare per le vittoria quello rappresenterebbe un grosso stimolo a rimanere, in caso contrario si può anche cambiare. Come ho detto sono qui per questo”.

Sulla questione è intervenuto anche Rea stesso, al termine delle FP2 di Phillip Island. A Johnny è stato domandato del mercato, ma lui ha voluto glissare: “Non sono qua per parlare di mercato, dato che è troppo presto. Non ho infatti idea. Preferisco non parlare del futuro”. Gli abbiamo domandato però se la sua priorità è quella di proseguire con Kawasaki e anche in questo casa il Cannibale non ha voluto dare rassicurazioni in merito: “La mia priorità è quella di avere la miglior opportunità per me, ma di più non posso dire”.

Di sicuro Johnny è un pilota che fa gola eccome nel paddock e di conseguenza per la Kawasaki non sarà cosa facile e scontata trattenerlo come accaduto due anni fa. Allo stato naturale delle cose ci sarebbe un team che potrebbe non badare a spese per lui, ovvero la Honda. D’altronde il carattere del motore della CBR 1000 RR-R è uno di quegli aspetti che non dovrebbe essere così grande da affrontare. Più complicato invece quello della Ducati V4, che come ben sappiamo ha fatto debuttare lo scorso anno la moto nuova nel Mondiale. Staremo a vedere, anche se rimane il fatto che il mercato 2021 è già partito e Kawasaki non potrà farsi trovare impreparata. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti