MotoGP, Rossi: "Sono preoccupato, stessi problemi del 2019 con le gomme"

"Dopo qualche giro devo rallentare e non capisco il perché. Gli altri piloti Yamaha riescono a essere più costanti, non sono tranquillo"

Share


I tre giorni di test in Qatar non hanno tolto i dubbi dalla mente di Valentino, anzi li hanno aumentati. Dopo quelli di Sepang sembrava avere trovato la strada giusta, risolto i vecchi problemi con le gomme sulla distanza, ma la pista di Losail ha rimesso tutto in discussione. Il 12° tempo non c’entra, Rossi ha sempre guardato poco alla classifica assoluta durante le prove invernali, ma è il passo in previsione della gara a non soddisfarlo.

Il Dottore, prima di lasciare il circuito, non riesce a nascondere queste impressioni negative.

Oggi sono un po’ preoccupato, non tanto per la posizione, perché sono caduto mentre stavo montando la seconda gomma nuova e penso avrei potuto migliorare il più tempo, ma per il passo” spiega senza giri di parole.

Puoi entrare nel dettaglio?

Ho cercato di fare qualche giro di fila ma ho avuto dei problemi con gli pneumatici molto simili a quelli dello scorso anno. Dopo qualche giro, sfortunatamente, devo rallentare e non è una bella notizia e non mi lascia tranquillo. Nella seconda parte di gara vado in crisi con le gomme e il mio passo non è velocissimo. Ora i test sono finiti e vedremo cosa succederà in gara, dove la situazione è sempre differente”.

Hai una spiegazione?

Non capiamo esattamente cosa succede. In Malesia faceva caldo, Sepang è una pista esigente per le gomme perché si sta piegati per tanto tempo, ma era andato tutto bene, invece qui in Qatar ho avuto più problemi. Abbiamo una decina di giorni per lavorare e per analizzare i dati. Fra i due test, per me è andata meglio in Malesia. Non solo perché avevo chiuso al 5° posto ma anche perché avevo un passo veloce. Qui sono un po’ più indietro”.

Hai provato a cercare la risposta nella telemetria degli altri piloti Yamaha?

Dai dati non si capisce il perché. Maverick, Fabio e Franco sono simili a me nel giro veloce, ma poi riescono a essere più costanti, dobbiamo capire. Oggi per tre volte ho fatto una decina di giri di fila, bisogna analizzare tutte le informazioni”.

Quartararo ha detto che la M1 2020 è un po’ più complicata da gestire, può influire?

Non credo, io avevo gli stessi problemi anche con la moto dell’anno scorso”.

Ci sono degli aspetti positivi su cui lavorare?

Mi sento bene con la M1, sono abbastanza veloce nei primi giri, ma non abbastanza per puntare alla vittoria. In questi test invernali Vinales, Quartararo, Rins sono stati molto veloci, mi sembrano i più in forma. Anche le Ducati mi sembrano migliorate, io non sono troppo distante da loro”.

E Marquez? Oggi ha usato la vecchia moto.

È andato forte, significa che la moto 2019 va meglio di quella del 2020 (ride)”.

In tanti sono andati forte.

È incredibile, ci sono 12 piloti in meno di mezzo secondo, sembra di essere in Moto2 (ride). È bello per il campionato e per i tifosi, perché c’è un grande bilanciamento fra piloti e moto diversi”.

Audio raccolto da Marco Caregnato

Share

Articoli che potrebbero interessarti