SBK, Razgatlioglu fa volare la Yamaha a Phillip Island, 4° Rea

Nella prima giornata di test il turco precede Sykes con la BMW, terza la Yamaha di Baz, 5^ la Honda di Haslam seguita dalla Ducati di Redding, 10° Davies, 15° Bautista

Share


A Phillip Island si conclude la prima giornata di test con Toprak Razgatlioglu e la Yamaha davanti a tutti. All'ultimo assalto il turco blocca il cronometro sull'1'30"740, precedendo di 22 millesimi la BMW di Sykes e di 37 millesimi quella di Baz. Quarto Johnny Rea, che all'ultimo giro ha accusato nel tratto centrale. Alle sue spalle la prima delle Honda, ovvero quella di Leon Haslam, mentre Bautista non va oltre il 15° crono. Sesto Redding seguito da van der Mark, mentre decimo Davies con Cortese a rimorchio.

 

17:35 Sykes piazza il colpo in 1'30"762, prendendosi la leadership della classifica a cinque minuti dallo scadere.  Terzo invece Rea.

17:33 Passo avanti anche per Leon Haslam, che porta la Honda in terza posizione a soli quattro decimi dalla vetta. Non male come prestazione quella del britannico. 

17:31 Loris Baz sorprende tutti! Il crono di 1'30"777 gli regala la vetta della classe a meno di dieci minuti dalla conclusione con 239 millesimi di margine su Razgatlioglu. 

17:30 Lunedì complicato per Leon Camier, addirittura 18° con due secondi e mezzo di gap dalla vetta. Al momento mancano soli 10 minuti alla conclusione del turno. 

17:20 In quarta posizione sale van der Mark, su cui pesa però un gap di mezzo secondo, mentre Bautista è dodicesimo alle spalle di Davies.

17:16 1'31"016, è il tempo che regala la vetta a Toprak Razgatlioglu! Il turco mette tutti in riga, scalzando Rea dal trono.

17:10 Ecco la classifica a mezz'ora dal termine del secondo e ultimo turno di giornata.

17:00 Per quanto riguarda i nostri alfieri, il migliore è Federico Caricasulo, autore del 13° tempo davanti al compagno di squadra, Gerloff. Sedicesimo invece Rinaldi preceduto dalla Honda di Bautista.

16:57 Che sfida tra Sykes e Rea! Tom si prende la vetta, ma poi Johnny gliela soffia, rifilandogli 64 millesimi.

16:55 A 45 minuti dalla conclusione il più veloce di tutti è sempre Rea, grazie al crono di 1'31"496. In seconda piazza spicca Scott Redding, a soli 117 millesimi. Soltanto 14° Bautista e la Honda.

16:49 Rea e la Kawasaki si portano al comando con  1'31"604, ma bisogna sottolineare che si gira un secondo più lenti rispetto al tempo siglato da Tom Sykes al mattino.

16:45 Finalmente i raggi di sole si fanno spazio tra le nuvole e i piloti tornano in pista. Avranno a disposizione 55 minuti di tempo per questa seconda e ultima sessione della giornata.

16:31 Le gocce di pioggia hanno smesso ed ecco il primo pilota ad entrare in pista. Si tratta di Toprak Razgatlioglu, autore del terzo tempo la mattina in sella alla Yamaha R1.

La sessione terminerà tra un'ora e venti minuti, sperando ovviamente in un miglioramento del meteo. In attesa di capire cosa accadrò, ecco come si è concluso il turno della mattina.

 

16:10 Non sapendo come far trascorrere i momenti, c'è chi guarda in alto il cielo e chi pensa bene di scambiare qualche battuta con il proprio compagno di squadra, sperando di tornare sulla moto.

 

16:00 Niente da fare al momento, il meteo non ha intenzione di giocare dalla parte di squadre e piloti. Ancora tutti fermi ai box. 

15:45 Purtroppo il meteo non gioca a favore della SBK, perché le gocce d'acqua si sono abbattute sul tracciato di Victoria. Nessuno dei piloti è sceso in pista.

15:40 Inizia il secondo e ultimo turno di giornata per la Superbike!

15:30 Il tempo di 1'33"336 consegna ad Andrea Locatelli il riferimento del lunedì nella SuperSport. Il bergamasco precede la MV Agusta di Krummenacher, poi la Yamaha di Cluzel.

15:25 Tra poco più di 15 minuti scatterà il turno della Superbike. Oltre a Sykes c'è attesa per le due Yamaha, prime degli inseguitrici nei confronti della BMW del britannico.

Le condizioni meteo tendono a peggiorare a Phillip Island. La temperatura è infatti scesa a 20 gradi e il rischio pioggia inizia a diventare sempre più concreto. Intanto tra circ

15:00 Quando manca mezz'ora al termine del turno della SuperSport, davanti a tutti c'è la Yamaha di Andrea Locatelli con il crono di 1'33"784. Un debutto da incorniciare il pilota del team Evan Bros.

La Honda sogna il dream team con Johnny Rea e Alvaro Bautista per il 2021! Scherzi a parte, in attesa che inizi la seconda sessione di prove, il Cannibale si è intrattenuto qualche minuto con gli ingegneri Honda, scambiando alcune parole.

14:30 Quando manca un'ora al termine della sessione della SuperSport, c'è Andrea Locatelli e la Yamaha R6 a comandare il gruppo. Il pilota bergamasco precede Vinales e Krummenacher, in ritardo dei sei decimi.

 

Sykes e la BMW fanno la voce grossa davanti alle Yamaha, 4° Rea, 6° Redding, 11° Bautista

13:00 Ecco cosa rimane della Honda CBR 1000 RR-R di Takahashi andata a fuoco (foto courtesy Speedweek Gee Bee)

12:34 A Phillip Island la sessione si è conclusa con 39 minuti d'anticipo rispetto al previsto. Il motivo è stato l'inconveniente che ha coinvolto la Honda di Takumi Takahashi, la quale ha preso fuoco a causa della rottura del motore.  Fortunatamente il pilota non ha avuto alcuna conseguenza. L'unico problema è stato l'olio, che ha inondato la pista nei settori tre e quattro, costringendo la direzione gara ad anticipare prima il termine del turno. A chiudere quindi al comando la prima sessione è Sykes con il tempo di 1'30"938. L'alfiere BMW è l'unico ad abbattere il muro dell'1'31", precedendo le Yamaha di van der Mark e Razgatlioglu, poi Rea. Nei primi sei spicca Redding seguito da Baz, mentre Davies è ottavo. Fuori dalla top ten Bautista, attardato di 1"731.

12:30 Barbier, responsabile Pirelli in pista per la Superbike: "Siamo a meno di un secondo dalla Superpole della scorso anno - ha commentato - le condizioni della pista sono ottime e il tracciato è particolarmente veloce, merito soprattutto della temperatura, attorno ai 26 gradi. Non possiamo però permetterci di dare giudizi affrettati, dato che qua le condizioni cambiano velocemente"

12:27 Riprende la sessione dopo l'esposizione della bandiera rossa.

12:19 Bandiera rossa per la presenza in pista di alcune papere. I piloto sono fermi ai box in attesa che riprende la sessione. Scott Redding è la Ducati più veloce, mentre Cortese debutta sulla Kawasaki di Pedercini. Al momento il tedesco è 13° davanti a Caricasulo.

 

12:12 Che sorpresa Sykes! La sua BMW sale al comando con il tempo di 1'30"938 davanti alle Yamaha R1 di van der Mark e Razgatlioglu. Il pilota britannico è l'unico ad avere abbattuto il muro dell'1'31".

12:07 Nonostante Alvaro Bautista sia soltanto 12° con un gap di due secondi dalla vetta, la sua Honda fa segnare il record di velocità con 318 km/h.

12:00 Allo scoccare delle ore 12 ci sono due Yamaha davanti, ovvero la R1 di van der Mark, incalzata da quella di Razgatlioglu. Rea è terzo a due decimi, mentre quarto Sykes con Baz che precede la Panigale V4 di Redding.

11:52 Toprak Razgatlioglu si inserisce in seconda posizione alle spalle del proprio compagno di squadra con soli 23 millesimi di ritardo.

11:47 Van der Mark si porta davanti al gruppo con il crono di 1'31"252. La Yamaha precede la Kawasaki di Rea.

11:38 Dopo quasi mezz'ora dal via della sessione c'è Rea al comando del turno, grazie a un margine di 40 millesimi sulla Yamaha di van der Mark. Redding insegue in quarta posizione, mentre Davies è settimo a sei decimi. Resta fuori dalla top ten Bautista, dodicesimo, seguito da Rinaldi e Caricasulo.

11:31 Ci pensa Johnny Rea a scalare la classifica, agganciando la vetta. Il Cannibale e la sua Kawasaki fissano il crono sull'1'31"495, precedendo di soli 40 millesimi la Yamaha di van der Mark. Fuori dalla top ten Bautista!

11:27 Grande spunto di Sykes che si porta in seconda posizione con la BMW a soli 41 millesimi dalla vetta. 

11:20 Balzo di Scott Redding, che aggancia la seconda piazza, precedendo di 4 millesimi Razgatlioglu.

11:15 Davanti a tutti si porta van der Mark con il tempo di 1'31"535. L'olandese della Yamaha precede il compagno Razgatlioglu di 257 millesimi, poi la Kawasaki di Rea e 464 millesimi dalla vetta. Bautista e la Honda incassano invece un secondo e mezzo!

11:10 Ci siamo, Superbike in azione a Phillip Island per l'ultimo test prima del via del Mondiale! Ecco la Honda di Alvaro Bautista finalmente in pista con la livrea  ufficiale. Tra l'altro alcuni timidi raggi di sole si fanno spazio tra le nuvole. 

Locatelli e la Yamaha davanti a tutti nel primo turno dei test a Phillip Island

11:00 Si chiude la prima sessione di giornata per la Supersport, con un azzurro davanti a tutti. Si tratta del debuttante in categoria Andrea Locatelli, che in sella alla Yamaha del team Bardahl Evan Bros. guarda tutti dall'altro grazie al crono di 1'33"362. Secondo a 276 millesimi il campione in carica Randy Krummenacher, seguito da Raffaele De Rosa. Distacchi molto ampi già nelle zone alte della classifica, con Odendaal (7°) che incassa più di un secondo. 14° Fuligni, 19° Bayliss. Questa la top ten.

10:40 Balzo in testa per Locatelli con il crono di 1'33"632. Il portacolori Evan Bros precede Krummenacher e De Rosa.

10:20 Raffaele De Rosa prende si prende il miglior tempo con 1'33"671.

10:00 A un'ora dalla fine del turno davanti a tutti c'è sempre Lucas Mahias, che con la Kawasaki sta trovando la giusta fiducia sul tracciato australiano. Tra i piloti in pista ricordiamo anche Oli Bayliss, al debutto nel Mondiale SSP come wildcard. Al momento il pilota australiano è 16° con 2"556 di ritardo dalla vetta 

9:42 Tra poco più di un'ora toccherà alla Superbike scendere in pista. Nel frattempo si lavora nei box per preparare le moto in vista delle ore 11 locali, quando in Italia sarà l'1:00 di notte. Ecco finalmente la Kawasaki di Alex Lowes con la livrea 2020 in pista, mentre al fianco la Ducati V4 di Chaz Davies.

9:30 C'è Lucas Mahias al comando della sessione, grazie al tempo di 1'34"554. Alle sue spalle, a sei decimi De Rosa, poi Locatelli, al debutto nelle derivate. A Phillip Island l'attività in pista è entrata nel vivo, peccato non si veda ancora il sole.

9:10 Jules Cluzel è il primo pilota a scendere in pista, aprendo le danze dei test della Supersport. La Superbike scenderà in pista all'1:10 italiane, ovvero le 11:10 locali.

8:55 Quando mancano poco più di dieci minuti al via le condizioni del tracciato sono in netto miglioramento. La temperatura supera i 20 gradi, ma non si intravedono raggi di sole all'orizzonte. 

8:42 La sessione scatterà alle ore 9:10 locali. Al momento il tracciato si presenta umido, dal momento che è piovuto fino alle prime ore dell'alba. Per il momento il meteo non sembra essere alleato di squadre e piloti, tenendo in considerazione il fatto che ieri il termometro segnava ben 30 gradi.

Buongiorno da Phillip Island, dove alle 9 locali, le 23 in Italia, si alzerà il sipario sulla due giorni di test. In azione ci sarà la Superbike e anche la Super Sport. Quest'oggi sarà la categoria intermedia ad aprire le danze, poi spazio alla classe regina. Domani invece il programma sarà invertito. Ecco di seguito il programma della due giorni. 

 

DA DOMENICA NOTTE A LUNEDI’

23:10-1:00 Test SuperSport

1:10-3:10 Test Superbike

3:40-5:30 Test SuperSport

5:40-7:40  Test Superbike

DA LUNEDI’ NOTTE A MARTEDI’

23:10-1:00 Test Superbike

1:10-3:10 Test SuperSport

3:40-5:30 Test Superbike

5:40-7:40  Test SuperSport

Share

Articoli che potrebbero interessarti