MotoGP, Zarco: "Io e KTM come Lorenzo e Honda? No, tengo meno al denaro"

SINCERO "Avevo molte ragioni per andare avanti per soldi, ma non l'ho fatto. Ho una ipoteca, vivo in Francia e pago le tasse. Con me Avintia è diventata un team satellite. Quartararo ha fatto meglio di me"

Share


Due titoli mondiali consecutivi in Moto2, due belle stagioni in MotoGP con la Yamaha Tech 3 e poi l'avventura in KTM. Finita male. Contratto strappato a metà stagione, Johann Zarco si è ritrovato ufficialmente a piedi, per essere poi recuperato per due gare dalla Honda e trovare infine l'approdo in Ducati Avintia, con l'intercessione di Gigi Dall'Igna.

Intercessione necessaria perché, come sempre, Johann Zarco, dopo la prima offerta aveva detto cosa pensava del team spagnolo, senza peli sulla lingua, e non erano state parole edificanti.

Un comportamento insolito nel mondo attuale, dove sembra una regola il comportarsi in modo sempre politicamente corretto.

Ora però sembra tutto funzionare bene, anche se i test a Sepang non sono stati sconvolgenti dal punto di vista del risultato: 15° tempo, ma giusto alle spalle di Dovizioso, a circa sei decimi dalla vetta e con una GP19.
Cosa è cambiato nella squadra che, con veemenza, all'inizio Zarco aveva rifiutato?

"È diventata una squadra satellite; prima era solo una squadra privata - ha risposto il francese a Marca - L'abbiamo già visto, in Malesia, con i tecnici che sono venuti direttamente dalla Ducati e che sono sempre in casa. Lavoriamo per ottenere i migliori risultati. Per Ducati è una squadra in più da cui avere informazioni. Si fidano di me. Sono molto felice per questo. Il feeling con loro è già buono. Ora so che la mia moto può vincere. Almeno ha vinto gare l'anno scorso. Devo imparare, ma ho le idee molto chiare. Ho piena fiducia nella Ducati. So che quello che ho tra le mani è sufficiente. Se poi vado veloce e la Ducati pensa che ho bisogno di qualcos'altro, penso che me lo darà perché è sempre stata molto vicina al team satellite".

Vedendo proprio a Sepang i risultati di KTM si potrebbe pensare che Zarco sia pentito della scelta, ma non è così.

"Con KTM non sono riuscito a fare un buon lavoro. Inoltre, ci sono stati molti problemi in molti aspetti. Avevo bisogno di prendere decisioni e di andare avanti", è la risposta che non lascia spazio ad altre argomentazioni.

Nel frattempo, però, il ruolo di pilota francese di punta in MotoGP è stato preso da Fabio Quartararo. Anche in questo caso Zarco non si nasconde.

"Era un altro periodo. Era diverso. Fabio ha fatto molto bene, anche meglio di me. Forse è arrivato nel momento giusto perché forse Valentino vuole ritirarsi. Questo è stato il momento migliore per lui. Comunque, se avessi fatto come lui in questo momento sarebbe stato lo stesso. Si tratta di decisioni diverse. Ma questa è la vita. Tutto ciò è molto positivo per Fabio. Se riusciremo ad avere due piloti al top, saranno comunque felici in Francia".

Johann ha avuto una occasione, guidando la Honda RC213-V nel team LCR, che poi non si è concretizzata.

"Forse qualcosa di buono è venuto fuori da qualcosa di cattivo perché la porta della Ducati si è aperta. Erano cose che non potevo gestire", la risposta di Zarco, a cui non piace il parallelo fra il suo dire no alla KTM e quello di Lorenzo alla Honda.

"Sicuramente a me interessa il denaro molto meno che a lui. Ho dovuto chiedere un prestito per avere la mia casa. Lui vive in un paese dove non paga le tasse, o paga poche tasse. Io vivo in Francia, pago le tasse e un mutuo. Avevo molte ragioni per andare avanti per soldi, ma non l'ho fatto".

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti