Lutto nel mondo delle ruote: è scomparso Giancarlo Morbidelli

Lo storico imprenditore e progettista si è spento all'età di 86 a causa di una malattia. Le sue moto vinsero quattro titolo mondiali e vennero guidate da Lega, Bianchi e Pileri

Share


Giornata nera per il mondo motociclistico, specie quello italiano, che piange la scomparsa di un genio assoluto come Gianfranco Morbidelli. Morbidelli è stato motociclista, progettista ed impreditore, e si è spento oggi alle 14 presso l’ospedale di Fano, dove era stato ricoverato per l’aggravarsi di una malattia che da tempo lo perseguitava.

Nato nella periferia pesarese nel 1934, era riuscito sul finire degli anni ‘60 a trasformare la sua azienda di macchine per la costruzione e riparazione legno in un reparto corse, da cui uscirono le sue storiche moto bianco – azzurre capaci di conquistare quattro titoli mondiali. Per Morbidelli hanno corso e vinto piloti del calibro di Paolo Pileri, Pier Paolo Bianchi e Mario Lega, nonché Graziano Rossi.

La passione di Morbidelli per le due ruote si è manifestata anche fuori dai circuiti, con la nascita (nel 1999 nella vecchia sede dell’azienda) di uno dei musei di moto d’epoca più autorevoli del mondo, che poteva vantare ben 350 moto. Le sorti del museo hanno purtroppo avuto un triste epilogo questa estate, quando per mancanza di fondi il museo fu costretto a chiudere, e le moto sono state portate in Inghilterra e messe all'asta.

Giancarlo Morbidelli lascia, oltre alla moglie Augusta, due figli: Gianni Morbidelli, ex pilota di Formula 1 ed anche prima guida della Ferrari, e la figlia Letizia.  

Photocredits: Fotoprint

Share

Articoli che potrebbero interessarti