Tu sei qui

TAPPA 9 – I cammelli non fermano Quintanilla e la Husqvarna

I piloti hanno dovuto fare i conti con alcuni animali lungo il percorso della tappa, il cileno si rivela il migliore seguito da Price e Barreda

Dakar: TAPPA 9 – I cammelli non fermano Quintanilla e la Husqvarna

Share


Questa volta pure i cammelli si sono messi di mezzo. Avete letto bene! Già, perché nel corso della nona tappa della Dakar alcuni animali hanno invaso il percorso della prova, ma fortunatamente non è accaduto nulla di particolare. L’intervento degli elicotteri ha allontanato gli animali, tanto che la prova potesse disputarsi senza difficoltà.

Alla fine Pablo Quintanilla e la Husqvarna conquistano quella vittoria di tappa a lungo inseguita. In una speciale dove Barreda e Price sono stati protagonisti di un avvincente testa a testa iniziale, a spuntarla sul finale è stato il cileno, grazie al crono di 3 ore 30 minuti e 33 secondi. Come si evince dalla classifica, i distacchi sono particolarmente contenuti, dal momento che in soli dieci minuti sono racchiusi ben undici piloti.

Una speciale all’insegna dell’equilibrio, quella che ha regalato il riferimento al cileno, grazie a un margine di 1’54” nei confronti di Toby Price. Al portacolori KTM è mancata la zampata finale, ma può comunque consolarsi con il secondo crono davanti a Joan Barreda. Assieme ai migliori c’è anche Ricky Brabec, che in sella alla sua Honda continua a guardare tutti dall’altro della generale.

Quando mancano sole tre prove al termine, lo statunitense può fare affidamento su un vantaggio di 20 minuti e 53 secondi su Quintanilla, mentre terzo Price. Tornando alla prova odierna, il migliore tra gli italiani si rivela ancora una volta Jacopo Cerutti. Il pilota comasco del team Solarys ha archiviato il martedì davanti alla spagnola Laia Sanz, poi l’altro azzurro, ovvero Maurizio Gerini.

Domani di nuovo in azione con la prima delle due tappe Marathon, ovvero quelle senza assistenza.

Share

Articoli che potrebbero interessarti