Alonso: “Peccato, oggi potevo chiudere quarto”

“Se non fosse stato per le due forature staremmo parlando di un altro risultato, ma il ritmo è buono”. Sainz: “Domani sarà tutto diverso”

Share


Continua la Dakar di Fernando Alonso. Il 2 volte campione del mondo F1 non si sta risparmiando in Arabia Saudita e anche oggi ha dimostrato di poter dire la sua nelle parti nobili della classifica. 

“È stata una buona giornata – ha detto Alonso al termine della quinta tappa - Abbiamo avuto due forature e qualche difficoltà ma a parte questo è tutto andato per il meglio. Dal punto di vista del ritmo questa è stata la mia migliore tappa e sarei potuto arrivare quarto senza le due forature. Nella zona sabbiosa, il ritmo è stato buono e avrei potuto fare anche meglio ma abbiamo perso tempo con Carlos, Nasser e Peterhansel. Marc Coma oggi è stato perfetto con la navigazione”. 

Una tappa tutto sommato più semplice rispetto a quella di ieri che lo stesso Alonso aveva definito “interminabile”. “Gli ultimi 250 chilometri sono stati delle vere montagne russe con salti e buche a tutta velocità”. 

Nella classifica generale domina la Mini di Sainz sulla Toyota di Al Attiyah e Alonso si è pronunciato anche su questo. “Penso che queste fasi siano molto favorevoli alla Mini, hanno avuto un vantaggio stratosferico, perché passano le pietre molto facilmente. Non so se Nasser riuscirà ad attaccare nella seconda parte dei RAIDha concluso lo spagnolo ai microfoni di Marca. 

Chi invece non ha rimpianti in termini di risultato è Carlos Sainz, alla sua 34° vittoria di tappa nella Dakar a quasi 58 anni. Lo spagnolo della Mini domina la classifica generale e con il successo di oggi ha anche incrementato il suo vantaggio. “Abbiamo guadagnato tre minuti e alla fine abbiamo spinto molto. Sono contento perché la macchina funziona bene. Avevo una gomma a terra all'inizio della prova speciale, ma sono riuscito a recuperare il tempo perso. Sto facendo il meglio che posso, ma domani quando aprirò il percorso, sarà completamente diverso ".

Chi invece spera in qualche cambiamento è Nasser Al Attiyah, tormentato dalla sfortuna nelle prime tappe di questa Dakar. Il campione in carica ha trovato pane per i suoi denti nel duello con Sainz e nelle prossime prove tenterà di sferrare l’attacco alla testa della classifica. 

“È stata una buona tappa per noi – ha detto Nasser - ma il percorso era più per un passeggino che per una 4x4. Abbiamo fatto il necessario per evitare problemi. Avevamo una gomma a terra 5 chilometri prima del traguardo, ma abbiamo preferito continuare senza cambiare la ruota. Penso che vedremo vere dune la prossima settimana.”

Articoli che potrebbero interessarti