TAPPA 2 - Alonso rompe la sospensione e incassa 2 ore e mezza

AUTO - Grave inconveniente per il due volte campione del mondo F1 tra il km 159 e il 214 della seconda tappa della Dakar 2020. De Villers vincitore di giornata con la Toyota

Share


Era partita nel migliore dei modi la seconda tappa della Dakar per Fernando Alonso. L'osservato speciale del RAID era scattato benissimo e dopo 104km si trovava in quarta posizione a soli 3 minuti e mezzo dalla vetta. Poi, al km 159 i minuti distacco erano raddoppiati come anche la posizione in classifica, ma questo era ampiamente pronosticabile.

La seconda giornata sembrava dovesse chiudersi in modo positivo per Alonso e Coma (suo navigatore e 5 volte vincitore della Dakar categoria moto) ma tra il km 159 e il 214 il pilota asturiano ha centrato una roccia con la sua Toyota Hilux rompendo una sospensione e una ruota.

 Il danno all'auto ha costretto lui e Coma ad un lungo stop, e quando De Villers ha tagliato il traguardo vincendo la tappa con la sua MINI, Nando e Marc si trovano ancora fermi e quindi con un ritardo minimo di 1 ora. 

Al secondo posto la MINI di Terranova che ieri aveva sollevato una piccola polemica nei confronti di Alonso, reo di non essersi spostato in un tratto sabbioso per favorire il sorpasso della MINI dell'esperto pilota argentino. 

Terza posizione per Al-Qassimi con la Peugeot davanti alla Century di Serradori e alla Toyota di Al-Attiyah. Sesta posizione per Carlos Sainz tra alti e bassi in questa tappa.

Solo settimo Al-Rajhi leader di tutta la tappa fino agli ultimissimi chilometri. Il pilota Toyota ha commesso un errore di navigazione pagando, alla fine, 13 minuti dal leader

AGGIORNAMENTO

E' ripartito Fernando Alonso, ha raggiunto il km 219 con 2 ore 31 minuti e 16 secondi di ritardo

Share

Articoli che potrebbero interessarti