Tu sei qui

MotoGP, Shinichi Sahara, Suzuki: "ad essere sincero, speravo in più podi"

Il Project Leader del Team Suzuki Ecstar Shinichi Sahara sa di avere due corridori molto promettenti come Alex Rins e Joan Mir, ma come affronterà il 2020 con i ragazzi in blu?

MotoGP: Shinichi Sahara, Suzuki: "ad essere sincero, speravo in più podi"

Share


Il Project Leader del Team Suzuki Ecstar Shinichi Sahara sa di avere due corridori molto promettenti come Alex Rins e Joan Mir, ma come affronterà il 2020 con i ragazzi in blu?

"La stagione 2019 è stata davvero bella per noi, abbiamo festeggiato due vittorie con Alex Rins, e abbiamo assistito alla rapida progressione di Joan Mir nonostante il suo infortunio. Ma, ad essere sincero, speravo in più podi". Anche la posizione nella classifica della squadra non riflette completamente il nostro vero potenziale, quindi dobbiamo lavorare di più. Non credo che dobbiamo cambiare la direzione dello sviluppo perché abbiamo una moto equilibrata, ma dobbiamo migliorare e migliorare le prestazioni complessive".

Nonostante il desiderio di raggiungere più podi e di lavorare sempre più duramente, Sahara-san è rimasto impressionato dal talento sempre crescente e dallo spirito combattivo posseduto dal pilota di punta del team, Alex Rins, in questa stagione.

"Mi piace l'atteggiamento di Alex, perché è sempre pronto a lottare e riesce sempre a migliorare la domenica in gara, anche quando la sua posizione in qualifica non è stata molto buona. Per questo lo chiamiamo "Sunday Boy"! Ma ad essere onesti, nel 2020, avrò bisogno che si qualifichimeglio. Sono abbastanza sicuro che se riuscirà ad ottenere posizioni migliori in griglia, risultati migliori di gara arriveranno automaticamente. Naturalmente, questo non è solo una questione di guida, ma dipende anche dalla moto che gli daremo. Dobbiamo fare dei passi avanti e dargli il nostro sostegno per poter ottenere questo miglioramento. Questo è ciò che abbiamo nei nostri piani".

E il giovane del Team SUZUKI ECSTAR? Joan Mir era una debuttante nel 2019, ma il maiorchino ha impressionato molte persone nel paddock con il suo approccio maturo, lo stile di guida e i rapidi miglioramenti. Shinichi Sahara riconosce la progressione raggiunta da Mir nella sua stagione d'esordio, e spera di puntare in alto nel 2020...

"Non ho dubbi che Mir abbia il vero potenziale per diventare un pilota di punta nel prossimo futuro. La caduta e l'infortunio di Brno hanno influito sulla sua prestazione nella seconda parte della stagione e gli sono costati molto. Nonostante tutto questo, in molte gare si è avvicinato al podio. L'anno prossimo non sarà più un debuttante e beneficerà di un anno di esperienza, che a sua volta gli darà ulteriore fiducia".

Share

Articoli che potrebbero interessarti