Tu sei qui

MotoGP, I regali PerNat …ale: Del calmante a Marquez, una Ducati per Vinales

2ª PARTE - È la volta dei piloti: “a Lorenzo un mosaico in cui può rivedersi. Per Quartararo il sorriso, a Zarco un bersaglio per le freccette… con la foto del suo ex manager”

MotoGP: I regali PerNat …ale: Del calmante a Marquez, una Ducati per Vinales

Share


Carlo Pernat non ha un momento di riposo neanche sotto le feste. Babbo Natale gli ha chiesto di consegnare i regali nel paddock della MotoGP e il manager genovese ha preso l’impegno sul serio. Naturalmente lo ha fatto a suo modo, condendo ogni dono con abbondante dosa di ironia.

Lo spirito natalizio ha reso Pernat un po’ più buono, ma nessuno è immune alle sue provocazioni. La scorsa settimana aveva spedito i primi regali alle Case, ora tocca ai piloti. Si inizia con gli stranieri, infine sarà la volta degli italiani.

“Marc Marquez ha tutto, gli serve solo qualche goccia di calmante”

“Marc ha già tutto, ma si può regalare una boccetta di calmante in modo che faccia più attenzione a non cadere troppo perché è andato di nuovo sotto i ferri. Lo deve però prendere a gocce, se lo farà potrà vincere ancora molti titoli. Ha talento, velocità, insomma tutto ma deve rischiare di meno”.

“Ad Alex Marquez una foto del fratello… sperando che non la rompa”

Ad Alex metterei una foto del fratello sotto l’albero e un appuntamento con Marc alla fine del prossimo anno. In quel momento potrà dirgli se gli ha fatto fare un regalo o una vero regalo. Il fratello può essere l’ago della bilancia della carriera di Alex, che corre anche il rischio di bruciarsi. Per ora ha una foto, vedremo se fra qualche mese sarà ancora intatta o spaccata in due.

“Una Ducati rossa fiammante per Vinales”

Il regalo perfetto a Vinales per Ducati è una bella Ducati rossa, con al fianco Gigi Dall’Igna che gli sorride e che, come lo Zio Sam, lo punta per portarlo con lui. Maverick potrebbe essere il numero 1 in quella squadra. Altri regali non ne vedo, a parte un sistema nel cervello che si attiva quando Maverick va in confusione, ma è un dispositivo che bisogna ancora inventare. L’elettronica c’è solo sulle moto, non nella testa di piloti.

“Per Rins un tagliando completo, dentro e fuori”

A Rins regalo un buono per andare dal parrucchiere: per togliergli tutti quei capelli e fargli un trattamento estetico anche alla sua testa. Ha bisogno di un po’ più di sicurezza, quindi anche un trattamento di manicure e pedicure che lo faccia partire meglio nelle prove e non essere solo un animale da gara. Un tagliando completo, all’interno e all’esterno”.

“Quartararo ha già ricevuto il sorriso e non deve perderlo”

A Quartararo regalo il sorriso, quello che ha sempre sul viso e di cui non deve mai dimenticarsi. Babbo Natale gli ha già fatto questo dono per la prima volta quest’anno e deve continuare a correre divertendosi. Fabio è un fuoriclasse, vorrei anche per lui una foto speciale: con la slitta e naturalmente una bella Yamaha fra i pacchi”.

“A Miller un posto nel team Ducati ufficiale. E qualche cassetta di birra”

Questo è l’anno delle foto, quindi quando Miller aprirà il suo regalo troverà un’immagine di lui e Dovizioso insieme nella squadra Ducati ufficiale con Dall’Igna a guardarli dall’alto come fosse dio. In più, metterei sotto l’albero di Jack anche un paio di cassette di birra che servono a festeggiare dopo una vittoria.

“Per Crutchlow era pronto il posto nel team Honda ufficiale, ma la Befana ci ha messo lo zampino”

“Probabilmente sarà l’ultimo anno di Crutchlow in MotoGP, gli avrei regalato il posto nella squadra ufficiale al fianco di Marc Marquez. Babbo Natale ce l’ha messa tutta ma non ci è riuscito, probabilmente è entrata in gioco la Befana. Quindi donerei a Cal tanta felicità, lui è come la Medusa, l’essere mitologico, e spero che quei serpenti che ha in testa si attorciglino un po’ di meno”.

“Un bersaglio per le freccette con la foto dell’ex manager: il regalo perfetto per Zarco”

A Zarco regalerei un bersaglio per il gioco delle freccette con sopra la foto del suo ex manager, così potrà sfogarsi un po’. Servirà a poco, ma non gli farebbe male. Lo so che è un brutto regalo, ma gli farà capire l’errore che ha fatto”.

“Un mosaico bellissimo in cui Lorenzo può rivedersi”

Lorenzo si merita un bel regalo, un mosaico colorato ed enorme con una dedica: “questo sei tu, un mosaico bellissimo”. A fianco ne metterei un altro uguale, ma a cui basta togliere una tessera perché cada completamente. È un dono su cui riflettere. Questa è la storia di Jorge e Babbo Natale gliela regalerà”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti