MotoGP, Vinales: "Mi trasferisco in Qatar per diventare più forte"

"Devo migliorare sia sotto l'aspetto fisico che mentale e a Doha ci sono le strutture per farlo. Avrò le porte della pista di Losail sempre aperte"

Share


C’è chi preferisce le montagne innevate, chi il clima marittimo e chi non rinuncerebbe mai alla tranquillità di casa. Maverick Vinales, un po’ a sorpresa, ha scelto di trasferirsi in Qatar. “In questo momento è molto importante trovarmi in una buona situazione” ha spiegato in un’intervista rilasciata alla giornalista Lee Meng Fei.

Il pilota spagnolo della Yamaha aveva già trascorso le sue vacanze pasquali a Losail, come “professore” nella Qatar Motorsports Academy, dispensando consigli ai giovani piloti. Quest’inverno sarà praticamente di casa nel circuito non lontano da Doha.

Credo che in questo momento io debba fare un passo in avanti sia a livello fisico che mentale - ha spiegato Maverick - Ho potuto vedere le strutture della Academy e sono rimasto impressionato. Ho parlato con il responsabile del circuito e mi apriranno le porte ogni volta che vorrò. Ho pensato all’opportunità di allenarmi in moto anche in inverno, così ho deciso di trasferirmi a Doha quando ad Andorra c’è la neve”.

Vinales non ha aspettato molto per passare dalle parole ai fatti.

“Ho già organizzato tutto e potrò allenarmi coni coach dell’Academy, e sono veramente bravi - ha continuato - Ci sono anche dei piloti esperti che potranno aiutarmi, la maggior parte hanno corso nel Mondiale, vanno forte e ho bisogno di qualcuno che mi spinga. Ci superiamo, ci buttiamo a terra ma restiamo amici: è come essere in gara, con altre moto ma la stessa competitività. Nessuno è perfetto, tutti dobbiamo migliorare ogni giorno, ogni giro. È questo il motivo per cui sono nell’Academy”.

Maverick sta anche collaborando con l’Aspire Academy, anche questa a Doha, che ha l’obiettivo di fare crescere giovani talenti in tutte le discipline sportive.

Stiamo iniziando a sviluppare il programma per i motociclisti, capendo quali siano gli esercizi migliori - ha rivelato - È molto importante perché non c’è uno sport con le stesse caratteristiche del motociclismo. Io ho iniziato a lavorare con loro sotto l’aspetto mentale e ho già riscontrato dei miglioramenti. Per esempio, ora riesco a stare calmo quando mi trovo in momenti difficili, non solo nello sport ma anche nella vita di tutti i giorni”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti