Tu sei qui

Honda, nuovo brevetto per le ali: torna la Super Blackbird?

La soluzione di ala "quadriplano" si aggiunge alle winglet per gli specchietti. Indizi che indicano il possibile ritorno di una sport tourer ad elevate prestazioni 

News Prodotto: Honda, nuovo brevetto per le ali: torna la Super Blackbird?

Honda sulle ali del vento. Da quanto mostrano dei disegni relativi a dei brevetti rilasciati dalla R&D Honda, dopo l'arrivo della CBR 1000 RR-R potrebbe essere la volta di una nuova proposta ad elevate prestazioni, ma stavolta di stampo sport tourer.
Con la Fireblade hanno fatto la loro apparizione le elette sulla carenatura di tipo "triplano", nei nuovi brevetti si vede una configurazione "quadriplano", una soluzione che, se messa insieme ai disegni relativi ad alette di prossimità poste sugli specchietti visti già qualche tempo fa, portano a credere che dalle parti di Tokyo si stia preparando un modello di mezzo votato alla strada (perché gli specchietti altrimenti?), ma dalle prestazioni elevate. Roba non da poco.

Dalle immagini si nota, oltre alla superficie alare maggiorata rispetto a quanto visto sulla Fireblade, un diverso disegno delle fiancate, con alette poste all'interno della carenatura, non esterne e circondate da bande come visto sulla RC213 V 2018 MotoGP e sull'ultima CBR 1000 RR-R che sfrutta il medesimo schema. (Il disegno non è riferito alla sagoma della prossima moto, ma serve ad illustrare il brevetto)

A questo si aggiunge appunto lo studio sui retrovisori che, seppure non così estremo, non è nuovo in casa Honda. Già a fine anni '90 gli specchietti della velocissima CBR 1100 XX Super Blackbird vedevano un design che consentiva a questi elementi la massima penetrazione aerodinamica oltre a donare un plus - seppure limitato - di stabilità alla moto ad alte velocità, grazie ad una curvatura tra parte superiore ed inferiore fortemente asimmetrico. Al periodo, la CBR 1100 XX, fu la prima moto di grande serie a superare la barriera di 300 Km/h.

La velocissima CBR 1100 XX Super Blackbird

Insomma, uno studio aerodinamico non da poco e che potrebbe fare il debutto su una prossima sport tourer, con motore derivato dal potente 4 cilindri in linea della Fireblade da 217 CV. Una moto in linea con alcuni concetti visti nel 1996 proprio con la CBR 1100 Super Balckbird

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti