MotoGP, Quartararo, test Jerez: "Il motore 2020?Sensazioni diverse,il passo c'è"

"Ho girato a pochi decimi dal mio tempo anche con gomma usata. Difficile dire pro e contro, ancora non sono morbido nelle guida come con il vecchio"

Share


Cambia il tracciato e cambia la stagione, ma Fabio Quartararo resta saldamente nelle prime posizioni. La prima giornata di test in quel di Jerez ha visto infatti il francese chiudere 2° alle spalle del compagno di marca Vinales, ma la notizia di giornata è un’altra. Il giovane transalpino ha avuto modo di provare per la prima volta un nuovo motore in ottica 2020, con risultanti senza dubbio positivi

“Ho provato un nuovo motore prototipo fornitomi da Yamaha – spiega – ed ho girato quasi tutto il giorno con quello. Non è facile capire il suo comportamento dopo una sola giornata, ma in generale ho mantenuto un buon passo e questa è una buona notizia. Non so se è lo stesso usato dagli ufficiali, certamente le sensazioni sono diverse rispetto a prima ma è difficile stilare già dei pro e dei contro, sicuramente ancora non sono morbido nella guida come con il precedente motore”.

Fabio nomina più volte la parola passo, ossia l’aspetto che più lo interessava in questa prima giornata, ed i riscontri ricevuti sembrano soddisfarlo.

“Il mio passo è stato buono e le gomme hanno lavorato davvero bene. Purtroppo ogni volta che ho messo la gomma nuova c’è stato un imprevisto, come la pioggia o la bandiera rossa, così non è stato facile fare un giro veloce, ma l’importante è il ritmo tenuto: sono riuscito a restare a pochi decimi dal mio miglior tempo anche girando venti giri con lo stesso pneumatico”.

Ovviamente il 20 ha cercato anche il tempo, forte del suo talento sul singolo giro, ma la sorte gli è stata notevolmente avversa.

“Ho provato a spingere la prima volta ed è stata data la bandiera rossa, ho tentato una seconda volta ed ha iniziato a piovere, così ho capito che era meglio evitare e pensare ancora al passo per migliorare. Abbiamo smesso in anticipo di girare perché volevamo analizzare quanto fatto in pista, cosa fondamentale per migliorare”.

Il pensiero poi va al secondo giorno di prova, dove (meteo permettendo) continueranno le valutazioni sul nuovo motore e, in generale, sulla crescita della M1: "Continuerò a lavorare su questo motore, è importante capire sempre di più e lavorare al massimo. Il meteo oggi è stato un po’ guastafeste, e spero che domani possa essere migliore, in caso contrario non so come lavoreremo (ride ndr)”.

In conclusione Quartararo respinge i pensieri riguardanti il 2021, confermando il forte legame tra lui ed il team Petronas: "Al momento sto pensando al prossimo anno, nel quale correrò con questa squadra, non ho bisogno di pensare al 2021 ed alla squadra ufficiale. Questo team ha fatto un grande lavoro nella stagione appena trascorsa, quindi voglio concentrarmi sul presente e dare il massimo”.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti