Tu sei qui

MotoGP, Vinales: "Sono in uno dei momenti migliori della mia carriera"

"A Valencia ho sempre faticato, ma oggi sulla Yamaha ho provate le stesse buone sensazioni della Malesia. In gara tenterò di scappare"

MotoGP: Vinales: "Sono in uno dei momenti migliori della mia carriera"

Maverick Vinales continua a vivere il suo momento speciale. Dopo la vittoria a Sepang, anche nella prima giornata di Valencia ha confermato la sua velocità con un 2° posto ma soprattutto un ritmo da riferimento.

Mi sono sentito bene, sia al mattino che al pomeriggio - inizia il suo commento- Sono contento perché provo le stesse sensazioni della Malesia. Valencia è stata sempre molto difficile per me, quindi sono soddisfatto per la prima giornata. Sono arrivato con una mentalità diversa dal solito”.

A cosa si deve il cambiamento visto negli ultimi GP?

È sempre una combinazione di cose. Nelle gare oltreoceano ho capito meglio la Yamaha, guidare tre settimane di seguito permette di migliorare se stessi e la moto. Ora ho più fiducia all’anteriore e a Sepang ho capito come migliorare l’intervento del freno motore”.

Come ti senti?

È uno dei momenti migliori della mia carriera, mi sento bene fisicamente e psicologicamente, con la moto e con la squadra. È importante perché adesso di prendono le decisioni sullo sviluppo per il prossimo anno”.

Le condizioni climatiche non sono ideali qui a Valencia.

“La mattina fa freddo e il pomeriggio c’è molto vento, qui è difficile, soprattutto per i piloti della Moto3 le condizioni sono pericolose, scendendo in pista per primi. Però mi sono trovato molto bene con la gomma morbida anteriore, quindi le basse temperature non saranno un problema per me. Anche lo pneumatico posteriore duro mi piace”.

Quali sono i tuoi principali rivali su questa pista?

Marquez è molto forte, come sempre, poi ci sarà Quartararo e ho visto bene anche Rins. La strategia per la gara è sempre la stessa: partire davanti e poi spingere. Non è semplice, ma in Malesia sono riuscito a gestire la situazione nonostante ci fossero due lunghi rettilinei”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti