Tu sei qui

KTM 1290 Super Duke R e 890 Duke R: le austriache si fanno più cattive

A due anni dal lancio della 790 arriva la 890. Le Duke sono poi riviste in tanti particolari

Iscriviti al nostro canale YouTube

La Casa di Mattighofen ha presentato quest'anno le sue forze sul segmento naked, e quando KTM parla di naked, allora la parola è solo e soltanto una: Duke! L'ammiraglia 1290 Super Duke R è stata rivista in tanti particolari, mentre si aggiunge un modello in gamma, la 890 Duke R, la via di mezzo tra la "Bestia" e la 790 Duke. Vediamo come sono fatte e cosa cambia.

KTM 1290 Super Duke R my2020

Iniziamo con una delle naked più mostruose mai viste, "The Beast", la KTM 1290 Super Duke R, che per il 2020 è stata rinnovata integralmente. Abbiamo infatti delle sovrastrutture riviste in diversi particolari, ma soprattutto una ciclistica ancora più "tosta". Tutto abbinato al noto motore LC8 ancora più potente e dal peso ridotto. Quest'ultimo ha una cilindrata di 1.301 cc ed è più leggero e performante, con un totale di 180 CV ed una coppia massima stimata in 140 Nm. Il peso a secco poi scende a 189 Kg, che a conti fatti sono 6 Kg in meno rispetto al modello 2019 attualmente in vendita.

Dicevamo della ciclistica. Bene, abbiamo un nuovo telaio a traliccio in acciaio al cromo-molibdeno che fa a braccetto con il telaietto posteriore in alluminio e materiali compositi. Il forcellone, monobraccio, è fissato al monoammortizzatore con un nuovo leveraggio. Naturalmente le sospensioni sono le WP Apex, completamente regolabili. A frenare la Bestia, un impianto frenante Brembo con pinze Stylema. Completano il quadro un elettronica allo stato dell’arte, con piattaforma inerziale e sensore di piega 6D.

KTM 890 Duke R: la giusta via di mezzo

Dopo appena due anni dalla presentazione della 790 Duke, ora arriva una nuova cilindrata, grazie alla KTM 890 Duke R. Rispetto alla 790, la Casa di Mattighofen ha voluto proporre un prodotto più sportivo, ma non esagerato come la 1290. Insomma, la giusta via di mezzo. Il motore, è LC8c portato a 890 cc capace di sviluppare ben 121 CV ed una coppia massima di 99 Nm. Il peso dichiarato è di appena 166 Kg a secco. Come per la 1290, troviamo una elettronica dotata della piattaforma inerziale e sensore di piega 6D. Le sospensioni sono le WP Apex ma dotate di una taratura più sostenuta rispetto alla sorella 790 Duke (sono completamente regolabili). Rispetto alla sorellina, il manubrio è più basso e piatto, mentre le pedane sono più arretrate. Anche qui abbiamo l'impianto frenante Brembo con pinze Stylema e pompa MCS. Infine, le colorazioni e le grafiche (R su questa) sono state riviste.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti