Tu sei qui

MotoGP, Zarco: "Con la Honda posso arrivare in top 5, forse già a Valencia"

"Peccato per la caduta, ma il weekend è stato positivo. La caduta è stato un incidente di gara, Mir non si aspettava che chiudessi la curva. Sto capendo come far funzionare questa moto"

MotoGP: Zarco: "Con la Honda posso arrivare in top 5, forse già a Valencia"

Dopo il tredicesimo posto di Phillip Island è arrivato uno zero a Sepang nella breve esperienza di Johann Zarco sulla Honda del team LCR. Il francese è stato protagonista di una gara abbastanza solida intorno alla top 10, salvo poi cadere al 18° giro in bagarre con Miller e Mir. 

“E’ stata una gran gara per me- ha detto Zarco - Sono contento di aver tenuto un bel passo. Ho visto Quartararo passare Miller con qualche difficoltà, ma poi è riuscito a superarlo ed è andato via. Volevo fare lo stesso ed andare a prendere Fabio e infatti con Jack abbiamo dato vita ad una bella battaglia ma abbiamo perso tempo e gli altri hanno recuperato". 

Poi la caduta, un’occasione sprecata, forse, perlomeno per portare punti importanti in casa Honda e dimostrare qualcosa alla casa di Tokyo con un bel risultato. 

“In curva 14 ho provato a sorpassare Miller, ero interno ma anche Mir ha provato ad entrare. Credo che Joan non si aspettasse che io chiuderssi la curva e a quel punto mi ha portato via l'anteriore. Comunque non è stato niente di drammatico, non mi sto giocando il campionato”. 

Il weekend, a parte la caduta, è stato comunque molto positivo vista la conquista diretta del Q2. Qual’è il tuo potenziale con questa moto?

“Aver raggiunto il Q2 è stata una gran cosa - ha detto Zarco - una dimostrazione dei passi in avanti che ho fatto. La qualifica è stata buona, tutti erano molto veloci. Sto gestendo bene la Honda, penso che il mio potenziale sia la top5, forse già a Valencia, devo continuare a lavorare e imparare”. 

Tra due settimane l’atto conclusivo di un 2019 complicatissimo per te. Qual’è l’obiettivo per Valencia?

“L’obbiettivo reale per Valencia è gareggiare ancora con questi piloti ma credo che Dovizioso e Rossi non erano molto lontani oggi. Valencia è un tracciato diverso rispetto a Sepang, dovrò capire come far funzionare bene la Honda anche lì. Nel 2017 Pedrosa mi ha battuto per pochi decimi con una Honda, quindi spero di poter fare bene”.

Audio raccolto da Matteo Aglio

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti