MotoGP, Bagnaia: "Ho perso per un niente l'ingresso in Q2: speriamo non piova"

Pecco: "Nella combinata sono 11°, è sempre così, Però sono cresciuto molto, rispetto a febbraio guido meglio". Miller:"Bel venerdì, vedremo il meteo di domani ma sono pronto a tutto"

Share


Dopo la terza e quarta posizione del GP di Phillip Island, con i due piloti che si sono dati battaglia per il podio quasi al fotofinish, il team Pramac cerca conferme in quel di Sepang a meno di una settimana dal bel risultato australiano. 

Bagnaia: "Ho poco grip al posteriore"

Ad aver perso il podio nella gara di Phillip Island è stato senza dubbio, Pecco Bagnaia che in Australia ha dato vita ad una gran rimonta partendo dalla quindicesima posizione e chiudendo quarto a soli 56 millesimi dal suo compagno di team e dal suo primo podio in MotoGP. Pecco ha comunque ottenuto il suo miglior risultato in stagione dimostrando di aver trovato una certa confidenza con la Ducati che tanto lo ha messo in difficoltà nella prima parte della stagione. Oggi, a Sepang Bagnaia ha chiuso in 8° posizione le FP2 con l'11° tempo nella classifica combinata, che giornata è stata?

“Direi che non è andata malissimo -ha detto Bagnaia - Nel pomeriggio ha iniziato a fare un po’ più caldo e ho chiuso ottavo ma continuo ad avere poco grip al posteriore. Per domani cercherò una soluzione insieme al team per risolvere questo problema. Comunque ho fatto un bel lavoro sul passo e sul giro veloce oggi, spero possa rendere". 

Per quanto riguarda il tempo nella classifica combinata?

"Purtroppo sono 11° a un niente dalla top 10, come al solito. Questo potrebbe essere un problema per le qualifiche perchè domattina potrebbe piovere, vedremo”. 

Su questa pista a febbraio si erano tenuti i test invernali della MotoGP, uno dei tuoi primi contatti con la moto. Avevi chiuso la terza giornata in seconda posizione. Cos'è cambiato in te e nel tuo stile in una stagione?

"Guido meglio - ha detto Bagnaia - riesco a frenare più forte ma ho meno grip rispetto ai test di febbraio. Sono migliorato molto nel ritmo ma c’è ancora del lavoro da fare". 

Miller: "Moto molto diversa rispetto ai test di febbraio"

Dopo il podio casalingo, festeggiato con tanto di "shoey" sul podio e di lancio degli stivali da gara, Jack Miller è tornato in pista a Sepang dove, con tutta probabilità, vorrà replicare l'impresa fatta qualche giorno fa a Phillip Island. Il pilota australiano ha chiuso la giornata con l'ottavo tempo nella classifica combinata che gli permette di essere al sicuro dalla Q1 in caso di pioggia.

"Mi sono trovato bene oggi - ha detto Miller - la moto è molto diversa ora rispetto ai test che abbiamo fatto qui a febbraio. Abbiamo fatto i soliti aggiustamenti del venerdì cercando di essere comunque tra i migliori”. 

Che lavoro hai fatto oggi?

"Ho provato ad adattarmi al tracciato questa mattina. Ho messo la soft alla fine della FP1 e ci ho fatto un bel po’ di giri, è andata bene ma devo analizzare meglio i dati - ha continuato Jackass - Poi nel pomeriggio, con il caldo, ho trovato la pista più lenta. Comunque è stata una giornata produttiva”. 

Domani potrebbe piovere, per te sarebbe un vantaggio?

"Vedremo il meteo di domani, se ci sarà pioggia, poco bagnato o asciutto. Io sono pronto a tutto anche perché in queste gare consecutive abbiamo trovato tutte le condizioni"

Audio raccolto da Matteo Aglio

Share

Articoli che potrebbero interessarti