Moto2, Pole position di Navarro nel caos di Phillip Island, 3° Marini

Pioggia, sole e tanto vento sono stati i veri protagonisti delle qualifiche della classe intermedia. Seconda posizione per Binder, sesta casella per Alex Marquez

Share


Dopo le difficilissime condizioni meteo che sono state le vere protagoniste della mattinata di Phillip Island, le qualifiche della Moto2 sono state accolte con qualche raggio di sole dal cielo australiano. Già a partire dal Q1 i piloti della classe intermedia hanno voluto perdere meno tempo possibile ai box vista l’incertezza del meteo e hanno girato continuativamente alla ricerca del miglior tempo e delle giuste sensazioni i sull’asfalto mutevole del tracciato. Altro fattore importante di queste qualifiche è stato il vento, sempre protagonista in Australia e che ha si dato un aiuto sul rettilineo scombussolando, però, le carte nel guidato. 

Il migliore del Q1, con il tempo di 1.34.357, è stato Sam Lowes, già sicuro dell’ultima posizione in griglia per via della penalizzazione che gli è stata inflitta ieri dopo il contatto con Raffin sul rettilineo. Dietro al pilota britannico si è classificato Remy Gardner, in difficoltà per tutto il weekend proprio come Vierge, terzo e Marini, quarto. Il pilota italiano dello Sky Racing Team e vincitore delle ultime due gare non è al 100% dal punto di vista fisico a causa della caduta subita ieri, ma il passaggio nel Q2 fa ben sperare in vista della gara. 

Quinta posizione e di conseguenza diciottesima in griglia (contando la penalità di Lowes) per Lorenzo Baldassarri, beffato dal gran tempo di Di Giannantonio questa mattina e da Marini nel pomeriggio. Gli altri italiani Locatelli e Pasini scatteranno dalla 23° e dalla 27° posizione. 

Emozioni e spettacolo anche nel Q2, almeno per la prima metà visto che a 6 minuti dal termine ha ricominciato a piovere con molta intensità, con Jorge Navarro che si è preso la pole position, la sesta della carriera, con il tempo di 1.33.565. 

Seconda posizione per Brad Binder, a 321 millesimi da Navarro. Il sudafricano è stato tra i migliori per tutto il weekend e domani proverà a scappare forte di un ritmo superiore rispetto alla concorrenza. 

Forte e fortunato Luca Marini, terzo a quasi 4 decimi dal leader. Luca ha centrato il tempo nel momento giusto, senza traffico e appena prima della pioggia. “E’ stata una bella qualifica - ha detto Marini - non mi sarei aspettato di chiudere in prima fila anche perchè ieri ho avuto la brillante idea di cadere e farmi male. Durante le qualifiche ho fatto le scelte giuste e spero di poter fare una bella gara domani”.

Chi invece di fortuna non ne ha avuta molta è stato Fabio Di Giannantonio, 4° al termine delle qualifiche e sempre infastidito dal traffico durante i suoi giri. Diggia è sembrato essere il più veloce in pista e anche solo per lo straordinario tempo fatto segnare questa mattina avrebbe meritato la pole position, domani proverà la rincorsa dalla seconda fila. 

Quinta posizione per Martin (il migliore della giornata di ieri) davanti a Lowes che per via della penalità ha lasciato l’ultima casella della seconda fila ad Alex Marquez, pronto per mettere le mani sul titolo mondiale. Dietro allo spagnolo scatterà Raffin con al suo fianco Bezzecchi e Lecuona. 

10° casella per Luthi che proverà a ritardare il più possibile la festa a Marquez, al suo fianco Nagashima e Bulega. Buona 13° posizione per Manzi davanti a Gardner e Vierge. Chiudono il Q2 Fernandez e Bastianini.

I tempi del Q2
La griglia di partenza del GP d'Australia

Share

Articoli che potrebbero interessarti