Regine in passerella: le novità più attese per il 2020

Honda affila la "Spada", Kawasaki... pure. Aprilia attacca con tre novità, ma occhio a Guzzi. BMW spoglia la S1000 RR e saranno scintille tra le roadster con la Ducati Streetfighter

Share


Poco più di 20 giorni e sarà già 2020. Come quelle superbe feste di gala di fine anno, tra tappeti di fine velluto, fuochi d'artificio e tappi di Prosecco che saltano, quelle che saranno le protagoniste più attese della serata, danno gli ultimi colpi di spazzola, sistemano gli ultimi dettagli delle loro mise. Il loro intento? Come nelle migliori tradizioni sarà quello di fare sognare ad occhi aperti gli ospiti, fare battere i loro cuori, prima di diventare - magari - compagni di giochi o di vita.

E quest'anno, quando i padiglioni apriranno al pubblico di appassionati, dal 7 al 10 di novembre, di regine meritevoli ce ne saranno come sempre molte. Tra conferme e voci non smentite, vediamo quali saranno le novità più interessanti che vedremo (o che molto probabilmente vedremo) alla kermesse di Rho Fiera.

UNA "LAMA" PER BAUTISTA...

Un rendering che mostra le possibili linee della prossima CBR

Con la presentazione già avvenuta della Africa Twin molti riflettori saranno puntati sulla prossima CBR 1000 Fireblade. Dopo qualche stagione di affinamenti, più che di veri stravolgimenti, al progetto CBR, a Tokyo hanno deciso di rivoltare la loro sportiva a 4 cilindri che per il 2020 avrà il duro compito di riportare ai vertici della SBK l'Ala dorata. L'ingaggio di Alvaro Bautista è un primo tassello, ora tocca alla "Blade" far vedere di che pasta è fatta. Tante peculiarità che vedremo sulla CBR my 2020 a partire da una aerodinamica di derivazione MotoGP: con alette pronte a tenere basso il muso di quella che si prevede sarà un vero e proprio bolide con motore da oltre 210 CV. I veli verranno tolti il 4 novembre a Milano. Tenetevi pronti.

...ED UN'ALTRA PER REA

Se Honda fa squillare le sue trombe, Kawasaki suona le proprie campane. Milano sarà l'appuntamento per vedere il lavoro fatto ad Akashi per mantenere intatto il proprio dominio tra le derivate. Rea ed il neo acquisto Lowes il prossimo anno porteranno in gara una versione ancora più estrema della attuale ZX-10 RR. Ancora non trapelano dati su quella che sarà  la prossima "Verdona", ma c'è tanta curiosità per la risposta Kawasaki alla offensiva Honda ed alla maturazione della Ducati V4R, al momento la SBK più evoluta della categoria. Tanta curiosità per la nuova Z-H2, la maxi naked con motore sovralimentato e della quale sono trapelate le prime immagini.

FINALMENTE APRILIA

Dopo il grande successo di consensi avuti lo scorso anno, con i tanti visitatori assiepati attorno al concept della bicilindrica RS 660, ad EICMA 2019 vedremo la versione definitiva della media sportiva di casa Aprilia. Dopo un anno di collaudi sulle piste italiane, è arrivato il momento di apprezzare il lavoro fatto a Noale. Un lavoro attento quanto lungo, per una moto tanto attesa quanto cruciale per un rilancio delle ambizioni Aprilia sul mercato. Occhio anche ad una versione naked, che sfrutterà la medesima piattaforma di telaio in alluminio e il nuovo bicilindrico parallelo frontemarcia. Una "baby" Tuono pronta a dare battaglia in una fascia e segmento di mercato decisamente appetibile. Altra novità arriverà sul fronte delle crossover con la riedizione della Tuareg: motore bicilindrico, ruota anteriore da 21" pollici, per un mezzo on-off che ha nel mirino Yamaha Ténéré 700 e KTM 790 Adventure. In questo caso la Tuareg 660 sarà esposta come concept.

UN NUOVO MOSTRO ROSSO

La casa di Borgo Panigale anticipa i tempi e presenta la gamma 2020 il prossimo 23 di ottobre con la tradizionale World Première. La novità più stuzzicante sarà la nuova Streetfighter con motore V4. Abbiamo già ammirato le forme della maxi naked bolognese in occasione della Pikes Peak 2019, a Rimini (teatro della presentazione) la vedremo in veste definitiva di quello che si preannuncia come un vero mostro e probabilmente in due allestimenti: Standard ed S con quest'ultima dotata di raffinate sospensioni Ohlins. Altre novità arriva dalla sportiva Panigale, che vedremo in versione Superleggera.
Una moto in tiratura limitata e dal prezzo da capogiro, come da capogiro si prospetta la tecnologia profusa nelle parti utilizzate per questa versione ultra raffinata della sportiva di casa Ducati. Rivisitazione anche per la 959, con estetica che guarda alla sorella 1100 e forcellone monobraccio. Occhio alla Multistrada: la V4 la vedremo nel 2021, per il 2020 arriverà una versione GT della iconica 'multimoto' bolognese equipaggiata con il bicilindrico Testastretta DVT.

UNA R DI MENO, MA TANTO DIVERTIMENTO IN PIU'

Dopo la presentazione 2019 della rinnovata S1000 RR in casa BMW, forti di linee di progetto modulari, mettono a nudo la SBK replica per presentare la nuova S1000 R, la naked che sfrutta la base della crenata per offrire un mezzo sportivo ma dalle caratteristiche di ergonomia più abbordabili. Una roadster strapotente, che sfrutta una ciclistica già di per sé agile come quella della S1000 RR, ma che grazie ad un manubrio largo ed alto, diventa un vero gioiello da poter sfruttare e divertirsi sui percorsi domenicali, oltre a non disdegnare qualche capatina in pista. Novità anche per la sport tourer S 1000 XR, che ad EICMA potremmo vedere di fianco alla naked ed alla sportiva. Un tris da paura. Attenzione anche sul fronte custom con la monumentale R18 boxer 1800 pronta a stupire.

BIMOTA, GUZZI E BENELLI, MA NON SOLO...

Grandi nomi e blasoni del passato motociclistico italiano che tornano a fare sognare. Moto Guzzi ad EICMA, dopo il successo di vendite della Classic Enduro TT85, ha pronta una cafè racer che sfrutterà il medesimo bicilindrico trasversale da 850. Ancora non sappiamo se sarà presentata come concept o come modello pronto per le concessionarie. Dopo l'azzeccata TT85, la curiosità attorno alle mosse del marchio di Mandello è ora più alta che mai. Novità anche per Benelli, la grande protagonista della stagione 2019 con il successo dei modelli Leoncino e soprattutto TRK 502 (terza moto più venduta in Italia dietro BMW GS e Honda Africa Twin).
A Milano arriva una versione 800 per la Leoncino, un mezzo di stampo heritage che sfrutta la base della 752S, il tutto condito da un prezzo che si preannuncia, ancora una volta, molto competitivo. Altra attesa sarà per capire cosa sarà di Bimota. A giorni dovrebbe essere ufficializzato l'acquisto da parte di Kawasaki. EICMA sarà l'occasione per capirne di più sui piani futuri.
Nel silenzio lavora Suzuki che a Milano dovrebbe fare debuttare la rinnovata crossover V-Strom 1000 oltre ad una possibile sorpresa. Si parla della nuova DR-Big, ma dal Giappone ancora bocche cucite. Il prossimo salone di Tokyo (dal 24 ottobre) potrebbe darci ulteriori indizi sulle novità di Hamamatsu.

La nuova suzuki V-Strom 1000 sorpresa in fase di collaudo in Toscana

 

 

 

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti