Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "Può accadere di tutto, un errore qui si paga caro"

"Yamaha e Marquez i favoriti, io posso ambire alla Top 5. Sarà la gara più difficile dell'anno"

MotoGP: Petrucci: "Può accadere di tutto, un errore qui si paga caro"

Share


Con la sua quinta posizione nelle qualifiche del GP di Thailandia, Danilo Petrucci si è classificato come miglior Ducati dello schieramento precedendo proprio la Pramac di Miller e la GP19 di Dovizioso. E pensare che il pilota ternano era dovuto partire dal Q1 viste le difficoltà incontrate nella giornata di ieri e l'impossibilità di trovare un tempo soddisfacente nelle FP3 bagnate di questa mattina. Nella prima parte delle qualifiche anche l'ansia di non riuscire a fare segnare un tempo visto il grande traffico e le incomprensioni in pista. 

"In Q1 c’erano molti piloti dietro di me e che mi stavano aspettando - ha detto Petrucci - ho fatto un errore in quel tentativo ma sapevo di avere la velocità per passare in Q2. Sono soddisfatto della giornata di oggi perché ieri è stato un po’ strano ma sapevo di essere sulla strada giusta. Sono stato veloce e credo di aver fatto una buona qualifica ma è domani che conta. Partire avanti è importante perchè so che se dovessi seguire molte moto il calore sarebbe troppo per i freni e le gomme”.

Parti dalla seconda fila, quali possono essere gli obiettivi reali per la gara di domani?

"Questa è la gara più difficile del calendario e forse della mia carriera - ha detto Danilo - Non ho il passo per lottare per il podio ma potrei ambire alla Top 5, sarà una gara difficile e di gestione, ma ad ogni modo sono rilassato e fiducioso. Voglio continuare a migliorarmi per tornare nel posto in cui ero a luglio”.

Ma cos'è cambiato da luglio ad oggi? Quali sono le cause di questa tua involuzione? 

"Da un certo punto in poi della stagione - ha detto Petrucci  - Michelin ha iniziato a portare gomme sempre più dure perchè vogliono che tutte le mescole possano fare la gara. Questa politica mi sta dando piu problemi rispetto ad altri piloti e piano piano sto cercando di adattare il mio stile di guida per tornare a competere al meglio, ma non e’ facile". 

Oltre a questo, però, c'è il problema chiave di Ducati, la trazione. Come siete messi sotto quel punto di vista?

"Ho sofferto molto in quell'area negli ultimi mesi - ha detto Petrucci - ma è anche vero che i nostri avversari sono cresciuti molto. Io devo migliorare dove so di perdere e lo sto facendo passo dopo passo”.

Quale può essere il punto di rottura della gara di domani? Cosa farà la differenza?

"Tutti i piloti hanno problemi con il surriscaldamento delle gomme e dei freni - ha detto Petrucci - gestire al meglio questi fattori può essere fondamentale. Questa è una pista dove anche un piccolo errore si paga a caro prezzo, può succedere di tutto". 

Chi sono i favoriti?

"Le Yamaha sono molto veloci, come anche Marquez e Rins. Credo che noi Ducati potremmo dire la nostra ma non so quali di questi piloti sono favoriti per il podio, vedremo". 

Audio raccolto da Marco Caregnato

Share

Articoli che potrebbero interessarti