MotoGP, Dall'Igna: "Solo uno stupido non vorrebbe lavorare con Marquez"

ESCLUSIVA - "Siamo in MotoGP per sviluppare tecnologia, ma anche per vincere. Il caso del 'cucchiaio' ci ha fatto solo perdere tempo e soldi ed i Costruttori non parlano più fra loro" (1a parte)

Share


Gigi Dall'Igna è senza dubbio una delle figure chiave della crescita di Ducati nelle ultime stagioni in MotoGP. Con la sua inventiva e con un approccio molto aggressivo nello sviluppo di soluzioni tecniche nuove e in un certo modo diverse, ha aperto la strada ad un modo diverso di intendere la progettazione stessa del mezzo. Un'attitudine che però gli ha anche creato delle difficoltà, perché la sua capacità di sfruttare al massimo le regole, l'ha posto nella scomoda questione di dover dare una spiegazioni ai propri rivali riguardo le proprie idee.

Una condizione che ovviamente qualsiasi ingegnere detesta, perché porta ad una condivisione di know how acquisito proprio grazie a quella cosa che i soldi non possono comprare, ma che in Ducati c'è sempre stata, ovvero la capacità di inventare, di creare. Aspetti che con Dall'Igna sono forse anche diventati ancora più importanti che in passato. L'episodio più eclatanet di tutti in tal senso è l'ormai celebre caso del 'cucchiaio', che ha avuto delle conseguenze solo negative secondo Dall'Igna, senza portare nulla di nuovo ad un ambiente che si è solo chiuso ulteriormente.  

Ne abbiamo parlato con lui nel Paddock di Buriram, in una intervista che ci ha permesso di trattare tanti argomenti con l'ingegnere che in un certo modo rappresenta l'eccellenza del motociclismo made in Italy. 

"La storia del 'cucchiaio' sicuramente è stata una gran perdita di tempo e soldi da parte di tutti quelli che sono stati coinvolti nella vicenda. Di sicuro posso dire che quelli più danneggiati siamo stati noi, perché se è vero che abbiamo pagato come gli altri, nel senso che le spese legale che abbiamo dovuto sostenere sono state uguali e la perdita di tempo anche che abbiamo avuto è stata uguale e tanta. Poi abbiamo anche dovuto spiegare i motivi per cui avevamo pensato quell’appendice e bene o male non dico tutti, ma quasi tutti i rivali, utilizzano oggi una soluzione molto simile a quella che abbiamo utilizzato noi. Quindi a maggior ragione, il fatto di aver dovuto spiegare i motivi è stata la cosa che ci ha penalizzato e che non ci ha fatto piacere".

Non c'è stato niente di costruttivo dunque in questa vicenda?

"I Costruttori non si incontrano più per discutere dei regolamenti"

"Da dopo quell’episodio non c’è più stata una riunione MSMA. Questo significa che i Costruttori hanno deciso che non serve più trovarsi e discutere di regolamenti, affrontando quelle tematiche che invece una volta venivano discusse all’interno della MSMA e quindi credo che per tutti i Costruttori questo sia un problema".

E' anche vero che voi con le vostre innovazioni avete cambiato il modo di pensare alcuni aspetti della MotoGP

"Io credo che da qualche anno a questa parte è vero che la Ducati è la moto più osservata. Non voglio dire copiata, ma forse sarebbe proprio il caso di dire così. Tutti gli altri Costruttori ci studiano, noi abbiamo spinto tutte le appendici aerodinamiche ad un certo livello e poi tutti gli altri le hanno utilizzate, ma non succede questo solo dal punto di vista squisitamente tecnico. Anche nella gestione del test team e la gestione delle prove durante il campionato. In tanti guardano cosa facciamo ed hanno cercato spunto da questa nostra inventiva diciamo così".

Con Pirro avete creato una nuova figura, un tester veloce quanto gli ufficiali. Gli altri si sono adeguati tutti. 

"E' così. Michele è uno dei nostri migliori collaboratori ed ha svolto anche un lavoro molto importante in questi anni".

"Se vuoi crescere devi innovare e formare persone: c'è un rovescio della medaglia"

Parte della vostra crescita passa attraverso la crescita degli uomini. Però ultimamente sono venuti a spesa da voi diversi rivali. Può essere un problema creare professionalità di un certo livello e poi vederle andare via?

"Si, ma d’altra parte se vuoi fare un lavoro e sviluppare una moto devi sicuramente innovare e formare delle persone. Devi sicuramente aumentare la cultura che c’è nel gruppo e il rovescio della medaglia è che questo genera e sviluppa una serie di professionisti che possono essere importanti anche per altri Costruttori, ma se vuoi penso che si debba essere orgogliosi anche di questo. Il fatto di essere considerati da tanti, non dico da tutti ma di certo da tanti, come uno dei centri di eccellenza tecnologici della moto, non è poco. Penso davvero che sia una cosa di cui essere orgogliosi".

Per il 2019 e 2020 avete scelto di puntare tutto su Dovi, mentre Petrucci ha il compito di essere una spalla molto veloce. Una strategia che potrebbe cambiare in futuro, magari prendendo due top rider?

"La strategia nello scegliere i piloti può essere diversa secondo quelle che possono essere le opportunità disponibili. Noi riteniamo di aver fatto la scelta giusta prendendo e confermando Danilo anche per l’anno prossimo, poi vediamo. Per quello che sarà il futuro, credo che ci penseremo prossimamente".

"I giovani interessanti già si vedono, ed è chiaro chi siano"

Si potrebbe cercare tra i giovani più promettenti per il 2021, hai già qualche idea?

"Tutti stanno lavorando per capire cosa succederà nel 2021. I giovani interessanti si vedono già, è chiaro quali siano. Non voglio fare nomi, ma già oggi abbiamo ben chiaro quali possono essere i piloti sui quali puntare per il futuro". 

Quartararo può diventare un anti Marquez secondo te?

"Quartarato sta facendo bene, ma Marquez all'esordio ha vinto il mondiale"

"Sta facendo sicuramente molto bene nella sua stagione di esordio, ma non dimentichiamo che Marquez nella sua stagione di esordio ha vinto il mondiale. Quindi, secondo me c’è ancora del lavoro da fare per raggiungere quel livello lì. Però è certamente uno dei pretendenti a fare questo e ricoprire questo ruolo". 

Voi in famiglia un giovane promettente lo avete e parlo di Bagnaia. Ti sei confrontato con lui riguardo questa stagione non proprio semplicissima?

"Abbiamo parlato con Bagnaia per capire perché è partito bene per poi appiattirsi"

"Noi abbiamo fatto con lui una riunione proprio la scorsa settimana e sono davvero contento dell’incontro che c’è stato. Abbiamo parlato con Francesco e con la squadra di tante cose, valutando assieme quali sono le cose che hanno condizionato alcuni aspetti della sua stagione. Volevamo capire assieme come mai fosse partito così bene per poi appiattirsi. In realtà quando un pilota parte così bene, poi ha qualche difficoltà a progredire nello stesso modo. Abbiamo cercato di ragionare su queste cose con lui. Secondo me però ha fatto delle belle gare, mi viene in mente il Mugello dove prima di cadere stava andando molto forte. Credo che abbia fatto in ogni caso vedere qualcosa di estremamente positivo e resto molto fiducioso su quelle che possono essere le sue possibilità con noi e credo che nell’insieme riusciremo a raggiungere gli obiettivi che abbiamo".

Tu pensi che ci sia attualmente una differenza così marcata tra la guida richiesta dalle moto V4 e le moto con 4 cilindri in linea da richiedere due stili molto diversi e quindi piloti più forti con l'uno o l'altro schema tecnico?

"V4 e 4 in linea? La bravura di un  pilota sta nell'adattarsi a differenti stili di guida"

"Io non credo che ci sia un tipo di guida molto diverso tra queste due tipologie di moto, quella dotata di un V4 e quella che ha un 4 in linea. E’ sicuramente vero che ogni moto ha delle caratteristiche peculiari e quindi è evidente che per andare forte con una moto, bisognerebbe massimizzare i pregi e minimizzare i difetti che ha ogni singola moto. La bravura di un pilota credo che stia proprio in questo. Secondo me un bravo pilota è capace di adattarsi ai differenti stili di guida di ogni moto ed è chiaro che ci vuole un tempo di adattamento, perché la continuità nelle corse paga sempre e sicuramente per un pilota è più semplice andare forte con una moto che si conosce, mentre c’è bisogno di più tempo per imparare a capire come va guidata una moto diversa, perché sicuramente è così. Però resto dell’idea che un campione possa adattarsi a tutte le moto che ci sono".

"Lorenzo ci ha messo un po' ad adattarsi, avrebbe potuto farlo prima"

Alcuni ci mettono molto tempo. Torna in mente l'esperienza con Jorge.

"Nel caso di Jorge sicuramente lui ci ha messo un po’ ad adattarsi alla nostra moto, però ci sono sempre tante situazioni che possono rallentare o accelerare i processi di apprendimento. Io credo che Lorenzo avrebbe potuto forse adattarsi anche un po’ prima".

Pensando alla vostra moto, Andrea Dovizioso si lamentò moltissimo al Sachsenring, arrivando a dire che Ducati potrebbe anche lavorare un intero anno per trovare una soluzione, rinunciando in un certo modo al presente per un futuro migliore.

"Io credo che ogni moto abbia solo bisogno di essere sviluppata e questo è sicuramente vero. Per sviluppare ci vogliono idee e queste vengono lavorando, facendo esperimenti e provando soluzioni e soprattutto ragionando per capire dove si può migliorare. Io credo che Ducati abbia fatto proprio questo, cioè che abbia sviluppato la moto facendo dei passi in avanti sicuramente importanti. Poi si poteva fare di più, ma penso che si poteva anche fare molto peggio. Ripeto, sono contento e anche orgoglioso del lavoro che tutta la mia squadra è riuscita a fare".

Ma a che punto siete con il progetto 2020? Gli altri hanno già messo in pista i propri prototipi, voi quando lo farete?

"Il prototipo 2020 lo vedrete dopo la gara di Valencia. Noi lavoriamo in modo diverso"

"Stiamo già lavorando sulla moto e sulla stagione 2020, ovviamente. Ma abbiamo un approccio un po’ diverso da questo punto di vista rispetto ai nostri rivali. Stiamo già sperimentando e portando in pista soluzione diverse che poi mi auguro possano essere utilizzate nel corso della stagione. Come sempre la nostra moto nuova la vedremo nei test dopo la gara di Valencia. Ripeto, noi lavoriamo in modo un po’ diverso rispetto agli altri. Cerchiamo di portare delle evoluzioni e delle soluzioni diverse costantemente in pista".

Classica domanda da un milione: hai un budget stellare da investire, prendi Marquez o lo spendi tutto per migliorare la moto?

"I soldi devono essere spesi anche per lo sviluppo della moto e questo è innegabile. Uno dei motivi per cui Ducati decide di correre in MotoGP è quello di sviluppare tecnologia, quindi sarebbe sicuramente stupido per un costruttore non lavorare per migliorarsi tecnicamente. D’altra parte siamo qui per vincere e credo che solo uno altrettanto stupido, se avesse la possibilità di lavorare con Marquez, non lo farebbe".

(fine prima parte)

Share

Articoli che potrebbero interessarti