Tu sei qui

SBK, Magny-Cours: il Bello, il Brutto e il Cattivo

Rea stappa in anticipo lo champagne, mentre per Bautista e la Ducati è la resa definitiva in un weekend dove per le Rosse sono più i rimpianti e le delusioni

SBK: Magny-Cours: il Bello, il Brutto e il Cattivo

Mai dare nulla per scontato in questa stagione della Superbike! Verrebbe proprio da dire così dopo l’ultimo round di Magny-Cours. Alzi infatti la mano a chi avrebbe pensato al quinto titolo Mondiale di Rea già in Francia oppure al disastro in casa Evan Bros, che torna a casa senza nemmeno un punto. Incredibile ma vero, in Francia i colpi di scena non sono mancati e il pubblico, caloroso come sempre, non si è certo annoiato.

Johnny ha voluto chiudere in anticipo la pratica con il contributo di una Ducati che ha segnato la sua resa prima del tempo. A questo punto ci si potrebbe catapultare direttamente nel 2020, ma per fortuna che c’è ancora la SuperSport, dove i giochi sono ancora aperti.   

IL BELLO – Difficile sceglierne uno, ci verrebbe da dire Rea, Razgatlioglu, Gonzalez, Mahias. Ognuno di loro in Francia ha scritto una pagina della propria carriera che rimarrà memorabile. Ai Mondiali Johnny ci è ormai abituato, così come Mahias ai successi nella SSP, vogliamo quindi dare risalto a Toprak e Manuel, due ragazzi che questo weekend hanno provato un’emozione mai vissuta prima d’ora.  

IL BRUTTO – Magny-Cours rappresentava la sua prima volta e siamo convinti che Alvaro Bautista vorrà dimenticarla il prima possibile. Un weekend condito da difficoltà e sofferenze, dove lo spagnolo si è sempre trovato a rincorrere. Come se non bastasse, ci si è messo nuovamente di mezzo Razgatlioglu a fargli finire in anticipo il weekend.   

IL CATTIVO – Forse sarà colpa della situazione contrattuale, dal momento che sul loro futuro aleggia un grosso punto interrogativo. Se avete visto in azione a Magny-Cours Sandro Cortese e Leon Haslam siete pregati di farcelo sapere. Un weekend anonimo per entrambi i piloti, lontani dalle posizioni che contano. Siamo convinti che queste non fossero le loro ambizioni

LA DELUSIONE – La premesse erano delle migliori, tanto che eravamo già pronti a goderci la sfida a tre Krummenacher-Caricasulo-Mahias. Alla fine le aspettative sono state deluse, dal momento che i due alfieri Evan Bros non sono nemmeno riusciti a vedere la bandiera a scacchi, mentre il francese ha saputo approfittare del regalo di fine settembre. Ha ringraziato quindi Mahias, al suo primo trionfo con Puccetti nella SSP.  

LA CONFERMA – Contro Johnny Rea non c’è davvero nulla da fare e per migliori informazioni andarsi a rivedere il suo ruolino di marcia stagionale. In tutti i round stagionali il Cannibale è stato l’unico pilota ad essere sempre presente sul podio. Chapeau!  

L’ERRORE – Non vogliamo sapere cosa sia passato nella mente di Federico Caricasulo. Il pilota romagnolo si era ritrovato in un colpo solo la vetta della gara e quella del Mondiale. Tutto sembrava andare nel verso giusto, invece ecco quella scivolata che ha mandato in fumo le sue ambizioni.

LA SORPRESA – Qualcuno si era forse dimenticato di lui, ma nella SSP c’è anche un tocco di tricolore. Merito di un super Ayrton Badovini, che in gara ha mostrato quella costanza necessaria per portare la Kawasaki sul podio. Era dal 2016 che il biellese mancava all’appello nei primi tre posti.

IL SORPASSO –Ne abbiamo visti tanti, anzi tantissimi durante il weekend nella classe regina. Lasciamo quindi a voi l’ardua scelta!

LA CURIOSITA’ – Magny-Cours non sarà forse il posto migliore per festeggiare un titolo iridato, ma forse Rea conosce un ottimo produttore di vini della zona che ogni volta ha in serbo un’annata speciale da proporre al Cannibale. Scherzi a parte, per la seconda volta consecutiva il Mondiale SBK si chiude con tre gare d’anticipo, così mai accaduta prima d’ora. 

IO L’AVEVO DETTO – “È impossibile che a Magny-Cours riesca a vincere il Mondiale”. Parole di Johnny Rea nel post gara di Portimao. A quanto pare la congiunzione astrale si è rivelata molto più che favorevole.   

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti