Tu sei qui

MotoGP, FP1 Aragon, benvenuti al Luna-Marc! Marquez rifila 1,6 secondi a tutti

Nelle prime libere Marc domina, girando su tempi inavvicinabili per i rivali. Quartararo è 3° su Dovizioso, Petrucci inizia bene ed è 7°. Rossi solo 17°. Buio Lorenzo, 4 secondi da Marquez

MotoGP: FP1 Aragon, benvenuti al Luna-Marc! Marquez rifila 1,6 secondi a tutti

Share


Il weekend del Gran Premio di Aragon è ufficialmente scattato sul tracciato spagnolo con la prima sessione di prove libere e Marc Marquez ha dimostrato immediatamente di voler recitare il ruolo di schiacciasassi nella terza tappa del mondiale che si disputa in territorio iberico. Il campione della Honda non si è infatti limitato a conquistare il primo tempo nella classifica della FP1, ma è andato oltre stabilendo riferimenti che per tutti i rivali si sono rivelati semplicemente inavvicinabili.

Il primo degli inseguitori è Maverick Vinales ed il suo distacco indica più di ogni parola quanto sia stato impressionante il primo impatto tra Marquez e questo GP di Aragon. Vinales ha infatti incassato 1,617 secondi, che in ambito motociclistico equivale più o meno ad un paio di ere geologiche. Per essere ancora più chiari, spesso il distacco tra la MotoGP e la Moto2 in questa stagione è stato nell'ordine dei 4/5 secondi sul giro secco, quindi se è vero che tutti i piloti in pista con Marquez sono in sella ad una MotoGP e corrono nello stesso campionato, quanto fatto oggi in pista da Marc lo ha reso unico protagonista della nuova categoria del mondiale, la MotoMarquez.

Scorrendo la classifica, al terzo posto troviamo Fabio Quartararo, ovvero l'unico che a Misano aveva reso difficile la vita a Marc e che ad Aragon in FP1 si è beccato la bellezza di due secondi dal rivale. Situazione condivisa da Andrea Dovizioso, che in questa stagione sarebbe dovuto essere il baluardo Ducati contro lo spagnolo e che in questa prima sessione ha incassato 2,020 secondi da un pilota pronto ad incamerare l'ottavo titolo iridato della sua sfolgorante carriera.

La Ducati ha oggi piazzato in seconda fila virtuale anche la GP19 di Jack Miller, come sempre incisivo ed in grado di piazzare la moto del Team Pramac davanti alla Suzuki di Joan Mir, oggi molto più concreto del compagno di squadra Alex Rins, che ad inizio sessione ha anche avuto un problema tecnico su una delle moto a sua disposizione, ripiegando in una mesta 13a posizione al termine della sessione.

In top ten anche Pol Espargarò, che ormai rappresenta una costante nei dieci in sella alla KTM, oggi ottavo davanti al nostro Franco Morbidelli, terza Yamaha in classifica ma a quasi due secondi e mezzo da Marquez. Per trovare la quarta Yamaha in classifica, ovvero quella di Valentino Rossi, si deve scendere fino alla 17a posizione. Un inizio poco entusiasmante per Valentino su una pista che nelle aspettative della vigilia sembrava poter rivelarsi amica della M1.

Se tutti questi numeri fanno impressione, c'è ancora un dato su cui ragionare riguardo la superiorità mostrata oggi da Marquez ed è la decima posizione di Taka Nakagami, primo pilota Honda in classifica dopo Marc. Il giapponese ha incassato 2,574 secondi, anche se dobbiamo ricordare che non dispone dell'ultima evoluzione della RCV, moto che invece è a disposizione di Cal Crutchlow e Jorge Lorenzo.

Il britannico ha chiuso 15° a quasi tre secondi da Marc, mentre per Jorge Lorenzo la situazione è anche peggiore. Il cinque volte campione del mondo ha oggi incassato oltre quattro secondi da Marquez ed onestamente è difficile immaginare cosa possa passare per la testa di un pilota che ha un palmares simile quando scorre la classifica e si trova in ultima posizione mentre il suo compagno è in testa dopo aver dominato. 

Da segnalare un inizio di weekend relativamente positivo per Aprilia, con Aleix Espargarò che ha arpionato la 12a posizione provvisoria, mentre Andrea Iannone ha chiuso la sessione con il 16° tempo, davanti a Valentino Rossi. Non sono risultati entusiasmanti, ma testimoniano un discreto potenziale della RS-GP su questa pista rispetto a quanto visto su altri tracciati.

FP1 MOTOGP ARAGON

Share

Articoli che potrebbero interessarti