Tu sei qui

Ferrari si conferma Re della MotoE a Misano, anche Casadei sul podio

Il pilota del Trentino Gresini infila una doppietta vincendo anche Gara2 con una fuga perfetta. Gran lotta per il podio, con Garzo che ha preceduto Mattia Casadei

MotoE: Ferrari si conferma Re della MotoE a Misano, anche Casadei sul podio

Matteo Ferrari era determinato a ripetersi in Gara2 a Misano, dopo aver trionfato nella prima tappa sul tracciato romagnolo, disputata ieri pomeriggio e l'impresa gli è riuscita. Grazie a quell'affermazione Ferrari si è ritrovato proiettato in vetta alla classifica del campionato e vincendo oggi il suo vantaggio è anche aumentato, candidandolo in questo momento al ruolo di favorito per la vittoria del titolo che verrà assegnato a Valencia, nella tappa finale del campionato che ospiterà due gare, esattamente come avvenuto a Misano.

Una strategia perfetta, che l'ha visto scattare in modo efficace dalla seconda casella in griglia per poi liberarsi si Alex De Angelis, che pur scattando dalla pole conquistata ieri in qualifica era consapevole di non aver molte chance in gara. Il pilota del Team Pramac nel violento high side di ieri si era infatti infortunato al polso destro, ma ha deciso in ogni caso di schierarsi al via della gara. L'assenza di un warmup in MotoE gli ha di fatto impedito di verificare le condizioni del polso ed in gara ha iniziato a soffrire perdendo lentamente terreno, fino a . cadere nel tratto successivo al Curvone quando mancavano tre tornate alla fine e si trovava in sesta posizione.

Ferrari in realtà ha vissuto una gara in solitaria, perché nelle primissime curve del GP la caduta di Xavier Simeon ha creato una piccola spaccatura nel gruppo che poi nessuno è riuscito a ricucire. Dopo una lunga fuga, sul traguardo Matteo ha avuto la meglio su Hector Garzo, anche oggi velocissimo nella parte finale di gara, ma autore di un sorpasso su Canepa che l'ha posto under investigation e che. potrebbe in realtà cambiare la classifica. Lo spagnolo del Team Tech3 è infatti finito largo, mettendo entrambe le ruote sul verde e potrebbe incorrere in una penalità da parte dei giudici.

Ad approfittarne sarebbe Mattia Casadei, che ha conquistato il terzo gradino del podio grazie ad un perfetto recupero negli ultimi passaggi, che l'ha visto riuscire ad avere la meglio prima di Maria Herrera, ottima quinta al traguardo, e poi di Niccolò Canepa, che aveva a lungo occupato la seconda posizione in gara, salvo poi perderla a favore di Garzo nel finale. Nel duello con lo spagnolo, l'ex campione del mondo Endurance ha offerto il fianco a Casadei, che ne ha approfittato relegando Niccolò al quarto posto. 

Scorrendo la classifica finale, si deve scendere fino all'undicesimo posto per trovare l'altro alfiere italiano, ovvero Lorenzo Savadori, che purtroppo continua a non digerire completamente la guida richiesta da questa MotoE, sensibilmente diversa da quella necessaria in SBK, l'ambito in cui Lorenzo ha già abbondantemente dimostrato il proprio talento.

Non ha potuto prendere parte alla gara Niki Tuuli per le conseguenze della caduta in cui è incappato ieri pomeriggio. Trasportato via in barella, il finlandese ha purtroppo riportato una frattura al femore. Ad una prima visione delle immagini, sembrava che Tuuli fosse stato colpito dalla propria moto nelle vie di fuga e noi stessi avevamo ipotizzato che la frattura fosse imputabile al peso della moto. In realtà osservando le immagini nel dettaglio, appare chiaro che il finlandese sia stato semplicemente vittima del classico high side, che l'ha sbalzato dalla sella della moto facendolo ricadere al suolo con una certa violenza. La speranza è di rivederlo in sella nel round finale di Valencia. 

CLASSIFICA MOTOE MISANO GARA 2

Questa la classifica iridata dopo la doppia tappa di Misano, con Ferrari in fuga iridata su Garzo

CLASSIFICA GENERALE MOTOE
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti