MotoE, Ferrari: “Ero scettico, ma la Moto E mi ha stupito”

“Gresini è una grande famiglia, essere in questa categoria è un trampolino di lancio per approdare in Moto2”

Share


Finalmente brilla il tricolore anche nella Moto E. Già, perché Gara 1 a Misano sorride a Matteo Ferrari, protagonista del primo successo italiano nella categoria riservata all’elettrico. Di più non poteva aspettarsi l’alfiere Gresini sulla pista romagnola, protagonista indiscusso del sabato.

 “La MotoE è stata un’occasione per tornare nel Mondiale e soprattutto per lavorare con un team di livello come Gresini – ha esordito Ferrari - essere in una famiglia così grande ti consente poi in ottica futura di puntare ad altre categorie, dato che è una sorta di trampolino di lancio. Sto quindi cercando si sfruttare questa opportunità e sono felice per la vittoria in casa”.

Ferrari ha le idee ben chiare riguardo il futuro.

“Il mio obiettivo è quello di arrivare in Moto 2, mi piacerebbe infatti disputare qualche gara nella classe intermedia e tornare in pianta stabile”.

Trovare la giusta competitività con l’Energica non è però cosa scontata e l’alfiere Gresini spiega il motivo.

“Il fatto è che si gira poco con questa moto, non facciamo test e di conseguenza dobbiamo capire il tutto velocemente, visto lo scarso tempo a disposizione per trovare le competitività necessaria”.

Nonostante dubbi e perplessità, la Moto E ha conquistato Ferrari.

“Anch’io ero scettico all’inizio, dato che la moto non ha marce e rumore. Al primo test però sono rimasto colpito dalla moto. Ovviamente ci sono diversi aspetti che la contraddistinguono dalle altre moto. Cito ad esempio l’erogazione. A parte ciò,  devo dire che prima di giudicare la moto bisogna provarla e proprio per questo la Moto E mi ha stupito”.

Oltre all’erogazioni, Ferrari cita un altro aspetto.

“Si può staccare forte con questa moto, ma bisogna controllare bene la frenata, cercando di essere precisi. Con le moto tradizionali puoi invece permetterti di essere più aggressivo”.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti