MotoGP, Vinales e Quartararo fanno paura a Marquez, 4° Rossi

Ben quattro Yamaha nei primi cinque posti in FP2, 5° Morbidelli, nella top ten anche Petrucci e Dovizioso nonostante un secondo di gap

Share


Le Yamaha stanno facendo il bello e cattivo tempo sulla pista di Misano. Un primo segnale era arrivato nel corso della FP1, al pomeriggio ecco la conferma del potenziale espresso da parte della M1. Già, perché nei primi cinque posti ne compaiono ben quattro. Di più non poteva proprio desiderare la Casa dei Tre Diapason, che nel turno conclusivo del venerdì recita a tutti gli effetti la parte da protagonista.

Merito di Maverick Vinales, che dopo il terzo crono del mattino questa volta si prende la vetta grazie al tempo di 1’32”775. Lo spagnolo precede El Diablo Quartararo, diventato ormai una conferma nei piani alti della classe. Il francese è affamato di rivincita dopo l’amarezza di Silverstone e il fine settimana sembra essere iniziato nel verso giusto.

In questa FP2, dove a brillare è il blu, non potevano poi mancare all’appello Valentino Rossi e Franco Morbidelli. Dopo una FP1 in ombra il Dottore è partito all’attacco, trovando lo spunto nel finale per agganciare la quarta piazza davanti al romano di Tavullia del team Petronas. Occhio però al distacco incassato dalla vetta, a tal punto da arrivare a toccare i sette decimi. Un gap sui cui Valentino e Franco dovranno riflettere in vista del sabato.

Rimanendo ad analizzare le prime posizioni, non poteva poi mancare il solito Marc Marquez (+0.396). Lo spagnolo ha piazzato il tempo al primo tentativo disponibile con gomma soft, poi ha sfruttato il turno per seguire da vicino gli avversari e prenderne le misure, evitando di tralasciare nulla al caso. 

Il venerdì di Misano vede quindi Magic Marc chiamato a confrontarsi con le Yamaha. E gli altri? Per la Ducati il weekend non sembra essere iniziato nel modo giusto, dal momento che Dovizioso e Petrucci vedono incassare ben un secondo dalla vetta, lamentando forti problemi di grip. Se il gap dalla vetta è considerevole, dall’altra parte ci si può consolare con il fatto di essersi garantiti un piazzamento nella top ten in vista del sabato. Tra i primi dieci di questa prima giornata anche Michele Pirro e Aleix Espargarò. Nessuno dei due è riuscito a migliorare la propria prestazione al pomeriggio, ma i tempi del mattino gli consentono di mantenere l’accesso virtuale alla Q2, lasciando momentaneamente fuori la Suzuki di Alex Rins, fresca di vittoria a Silverstone.

Pomeriggio in ombra per quanto riguarda invece Francesco Bagnaia e Jack Miller, soltanto 14° e 16°, così come per Jorge Lorenzo, che non va oltre la 17^ piazza a oltre un secondo dal connazionale Vinales. Ovviamente il maiorchino deve fare i conti con le condizioni di salute non al top che influiscono non poco sulla guida.      

Share

Articoli che potrebbero interessarti